Settembre 30, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

I registi indipendenti si battono per trovare un pubblico al di fuori dei cinema tradizionali | cultura

su un lato dello schermo Santi Amodio (Siviglia, 52 anni), Il regista fa parte della generazione del cinema andaluso che ha prodotto una buona manciata di creatori, tecnici e attori, su cui c’è Alberto Rodriguez. Inoltre, Amodeo e Rodríguez hanno co-diretto il loro primo film insieme, lavoratore Hajj (2000). “Sono stato in grado di fare quello che volevo, ma da un modello industriale. Ho guardato al botteghino, anche se non ne ero ossessionato. Fino ad ora”, ammette Sefilian, presentato in anteprima venerdì 3 Gentili, Il teen drama è stato elogiato dalla critica e ben promosso dai media, ma lo scorso fine settimana non è nemmeno entrato nella top 20 della lista più seguita in Spagna.

Jonas Troupa (Madrid, 40 anni) invece. per la prima volta con Tutte le canzoni parlano di me (2010), “Il mio primo e unico film che si adatta a un modello industriale, il film che ho visto a casa dei miei genitori [el director Fernando Trueba y la productora Cristina Huete]Ricorda, come segue, illusione (2013), ha fondato la sua società di produzione e ha iniziato ad accompagnare i suoi film per essere proiettati al di fuori dei circoli commerciali. È entrato nell’onda del cosiddetto “altro cinema spagnolo”, raggruppato anche nell’Unione dei registi, che ha combattuto contro gli impulsi legislativi che tagliano le ali al cinema d’autore. Venerdì prossimo verrà proiettato per la prima volta il 17° film di Trueba Devi venire a vederlo 61 minuti di fantasia in opposizione tra 220 minuti da chi lo impedisce, Il suo documentario dello scorso anno. Entrambi, due generazioni diverse che si rispettano, accettano di chattare via informatica dalle loro città natie per contemplare il cinema d’autore, il cinema indipendente, il pubblico fuggito in massa dalle sale, l’eterna crisi del cinema spagnolo e l’ombra straziante di un nuovo audiovisivo legge sulla comunicazione.

READ  Ashley Tisdale mostra tutta la sua casa e riceve critiche per i dettagli superficiali della sua biblioteca | Moda e bellezza
Santi Amodio dirige Paula Diaz in Las Gentiles. immagine: conchiglia di rosa

Il più giovane inizia, perché non è passato un anno dalla prima precedente, sta già promuovendo il nuovo spettacolo e in autunno gira di nuovo, questa volta a Granada. Erano incatenati a un ritmo insolito per me e non lo volevo. Cose della pandemia”, spiega. “Ero molto più lento e ora ho anche preso velocità in un modo strano”. Trueba riscalda la conversazione: “Come lo capiscono registi come noi, il cinema è già rimasto in una bolla, molto confinato in un mondo tradizionale. E i consumi sono cambiati, ed è stata installata l’idea che si può vedere tutto da casa, il che è in parte vero. Tutto ciò fa sì che la pigrizia vada nelle stanze. Anche chi lavora al cinema fa fatica ad entrare, gli anziani hanno paura del morbo di Covid-19 e i giovani consumano in modo diverso. Accettiamo che i film non abbiano più il significato sociale di una volta. Non possiamo guardare dall’altra parte. Tuttavia, stiamo ancora respirando quel vecchio paradigma, che sta iniziando a esaurirsi”.

Foto dal film “Pagans”.

Tutta la cultura che ti accompagna ti sta aspettando qui.

Sottoscrizione

Amodeo lo ricorda a novembre Gentili È stato proiettato per la prima volta al Festival del cinema europeo di Siviglia. “E le stanze erano piene… anche se ho capito che è successo perché il pubblico voleva vivere l’evento.” Truba sottolinea: “Come I Kara: La gente lo guarda perché è un film d’autore stagionale, ma è uno dei cento film. Il punto è che è il bel film che stiamo guardando quest’anno. E hey, mi congratulo con te, senza dimenticare che è un caso molto speciale. La stessa cosa succede a me a Madrid alla Filmoteca, che in alcune sessioni straripa. Non mi sbaglio: una bolla cinematografica. Ma è morta la logica delle campagne, la premiere e la presenza di un gran numero di spettatori”. Il madrilini non sembra malinconico, ma testimonia il presente. “La borghesia cinematografica sta scomparendo proprio come accade nella società”. Siviglia, Amodeo è d’accordo: “Vengo facendo molto botteghino Con i miei primi quattro film, questa linea mi ha portato a Chi ha ucciso Bambi? 2013, hanno partecipato 150mila spettatori. Non mi avvicinerò più a questo. Nel 2019 è stato presentato in anteprima Io e la mia defunta moglie e moglie, Non gli piaceva, è comprensibile… e adesso Gentili Ho lasciato il respiro. Questa settimana andrò a Granada per presentarlo. La mia curiosità, quando l’accompagno, le stanze si riempiono”. Con il contratto con le emittenti televisive che vi partecipano, è stato proiettato su più di 25 schermi. Il suo regista osserva: “Vorrei poterlo fare in meno posti e concentrarmi le mie energie”.

Troupa sorride: “Da un lato mi dà fastidio che i film non abbiano un valore proprio, come se non potessero difendersi e debbano essere accompagnati da una città all’altra. Dall’altro, ho iniziato a dirigere dopo il 2008 crisi e dovevo fare questi tour”. Si taglia la gola sulla questione del botteghino: “Non mi sono mai sentito come se i miei film non fossero visti molto. Tutto il contrario. Ora, non nelle camere di commercio. Il mio pubblico è piccolo e leale e mi ha permesso di non perdere mai soldi . Inoltre, ho sempre investito i profitti nella fase successiva.” dare come esempio chi lo impedisce, Che, secondo il ministero della Cultura, ha ricevuto 4.290 spettatori. “Se aggiungi cinema, eventi e festival, arriva a 10.000, il che è redditizio a causa del suo basso costo, delle vendite televisive e di una certa distribuzione internazionale”. Come beneficiate di questo cinema? “Mi adatto a una piccola scala, dove posso pagare anche se il budget è basso. Sono film possibili: sono stati girati in pochi giorni, il materiale è vicino. Ora, questo è il mio modello, non il modello che dovrebbe governare il cinema spagnolo”.

Francesco Carril, Itsaso Arana e Irene Escolar in
Francesco Carril, Itsaso Arana e Irene Escolar in Devi venire a vederlo.

Amodeo capisce che dovrà salire su quella macchina. “Chi ha ucciso Bambi? Era importante. Mi sono divertito molto, ma da allora ricevo sempre testi simili che rifiuto. Sono severo, non ho bisogno di molto, mi piace fare i miei affari liberamente… Adesso capisco che solo così arriverò.” Truba lo interruppe: “È meraviglioso che tu, questo astronauti Era necessario per me Ho capito. Anche se allo stesso tempo la lotta non può essere abbandonata, e fintanto che possiamo lanciarci in un film industriale per le sale, aspiriamo a realizzarlo. Ora, il botteghino non fornirà finanziamenti per il cinema spagnolo”. Amodeo ha ricordato: “Operaio dell’Hajj Aveva 15.000 spettatori nelle sale; La prima volta che è stato mostrato in TV, il loro numero ha superato i 400.000 e ora sul sito Web TVE puoi recuperarlo quando vuoi. Tanto Gentili Come Chi glielo impedisce? Vanno da un pubblico di adolescenti e vengono visti… anche se non c’è più menzione nei dischi tradizionali o nel modo in cui siamo abituati. Il mio look è vecchio e dovrò adattarmi”. Aggiunge Maderelinian: “A volte un film viene proiettato nelle sale e nessuno ne parla su Internet, viene messo sulle piattaforme e le reti esplodono di commenti. Le persone si iscrivono per ottenere ciò di cui parlano tutti per mostrarsi per ciò di cui parlano tutti”. E in questi fenomeni moderni entrano non cercare anche guida la mia auto. “L’uomo è un branco e ora quello che prendiamo sono i social media”.

C’è ignoranza nella classe politica sul cinema che facciamo in modo che credano che attraendo film e investimenti internazionali, nasceranno anche film ‘indipendenti’ e si moltiplicherà la diversità”

Da qui il salto verso l’imminente approvazione della Legge sulle comunicazioni audiovisive. “Puoi vederlo arrivare”, la sente Seville. «Capisco che ci sono case da pagare, bambini da sfamare… ma non iniziamo a lavorare solo per le piattaforme: questo è buono e allo stesso tempo perverso», dice Trueba. “C’è una tale ignoranza nella classe politica del cinema che glielo facciamo pensare attirando investimenti e fotografia internazionale Nasceranno anche i film India La diversità si moltiplicherà. “

Sono d’accordo sul fatto che il momento è difficile. “Questi raggi x della realtà non possono essere ignorati, combattiamo con tutto”, analizza l’uomo di Madrid. Si calpestano a vicenda d’accordo. “Se crediamo nei cinema, aiutiamoli, aspettiamo, voglio che esistano. Speriamo che il calo degli spettatori si fermi nel prossimo futuro e il grande schermo torni”.

sconto del 50

Contenuti esclusivi per gli abbonati

Lettura illimitata