Maggio 26, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

I ricercatori hanno spedito lievito durante la missione Artemis I – NBC Chicago

I ricercatori hanno spedito lievito durante la missione Artemis I – NBC Chicago

Un gruppo di ricercatori e ingegneri guatemaltechi ha dato un importante contributo a una delle missioni più importanti della NASA.

Il dottor Luis Zea è un assistente professore presso l’Università del Colorado Boulder ed è nato in Guatemala. Oggi può dire che il suo esperimento ha avuto pieno successo dopo il ritorno di Orion sulla Terra.

“Abbiamo spedito circa 12.000 spruzzi di lievito dello stesso lievito usato per fare il pane e la birra all’interno della navicella spaziale Orion che era la missione Artemis 1 della NASA intorno alla luna”, ha detto Zea.

Secondo il dottor Zea, il motivo per cui usano il lievito è perché condivide molto del nostro DNA con il lievito.

“Stiamo studiando come le radiazioni cosmiche danneggino le cellule e il DNA e come le cellule siano in grado di riparare questo danno”.

Il dottore dice che spera che i risultati aiutino l’esplorazione dello spazio e allo stesso tempo portino benefici alla Terra.

“Queste informazioni possono aiutarci ad avere un’esplorazione spaziale più sicura perché possiamo fornire farmaci agli astronauti”, ha commentato il dottor Zia.

L’attrezzatura del dottor Zia si chiama Plasm ed è stata sviluppata dal Centro di ricerca dell’Università del Colorado. Alcuni dei componenti che servono per produrre il plasma sono stati realizzati da un gruppo di studenti e professori dell’Universidade del Valle de Guatemala. Ci sono voluti 5 anni per sviluppare la proposta che la NASA ha finalmente scelto.

“Due degli elementi che produciamo sono responsabili della presenza delle sacche di lievito, come menzionato da Andres, e anche del trasporto delle pompe peristaltiche”, ha affermato Rodrigo Aragon, professore presso il Dipartimento di Ingegneria Meccanica.

READ  Un onboarding efficace ha tre volte più probabilità di generare un forte impegno da parte dei nuovi dipendenti

Ma per questo gruppo di ricercatori, l’esperienza va oltre l’arrivo sulla luna e affermano anche di voler mostrare al mondo che la tecnologia spaziale può essere sviluppata anche nel loro paese d’origine.

“Penso che il messaggio più importante sia mostrare alle persone che è possibile, mostrare alle persone, ai giovani, che queste opportunità ci sono, approfittarne”, ha affermato Andrés Villau, professore presso il Dipartimento di Ingegneria dell’Universidad . Del Valle.

Il dottor Zia dice che sta aspettando alcuni risultati in modo da poter replicare l’esperimento qui sulla Terra.