Gennaio 26, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il Barcellona apre le porte ad alcuni calciatori per poter firmare

Il Barcellona sta lavorando 24 ore su 24 per poter integrare almeno un giocatore con un aspetto offensivo nel mercato di gennaio. Le sconfitte di Kon Aguero, Martin Braithwaite e soprattutto Ansu Fati hanno indebolito l’attacco blaugrana e nessuno di loro dovrebbe ripresentarsi prima della fine dell’anno. C’era la possibilità che Ansu Fati dovesse arrivare a Monaco nella partita decisiva contro il Bayern Monaco, ma il giocatore non si sta ancora allenando con il gruppo, e Xavi ieri in prima linea nel match contro il Betis lo ha praticamente escluso con “sarà non essere facile.” Sarà mercoledì prossimo.


Leggi anche

Anees Marti

Egarense continua a combattere l’epidemia di contagi. Oltre ai già citati attaccanti, Pedri, che tornerà a gennaio, E Sergi Roberto, che sarà operato e starà fuori per quattro mesi. “Abbiamo forzato i giocatori quando non giocavano e li abbiamo persi”, ha detto Xavi, arrivato con le idee molto chiare dentro e fuori dal campo, soprattutto con i servizi medici.

Xavi incontra di nuovo Sergi Roberto, compagno ed ex fidanzato

Xavi incontra di nuovo Sergi Roberto, compagno ed ex fidanzato

Miguel Ruiz FCB

Al club sono già praticamente pronti affinché nelle prossime settimane possa entrare a far parte del club il dottor Rijkaard Bruna, altro campione dell’entità Liquidità nei loro conti Grazie in parte alle nuove entrate generate dall’apertura al pubblico delle strutture del Camp Nou ma soprattutto grazie per finanziare l’operazione da 595 milioni di euro Con una durata di 10 anni e un tasso di interesse medio di 1,98, l’ente lo ha formalizzato nel mese di agosto dopo aver ottenuto il benestare della prima assemblea dei delegati presieduta da Laporta.

READ  Cantlay guida il Tour Championship, che determina la FedEx Cup, dietro a Niemann

Operazione di finanziamento 595 milioni

200 destinati a saldare i debiti a breve e nei conti del Barcellona ci sono 315 milioni per le spese ordinarie del club

Di quei 595 milioni, 200 sono destinati a rimborsare debiti a breve con un interesse molto superiore a 1,98. 80 milioni vanno aggiunti a quei 200 che sono stati utilizzati per coprire il prestito ponte per far fronte ai pagamenti. Nei conti del Barcellona ci sono 315 milioni per le spese regolari del club con l’obiettivo di ridurre l’impatto della pandemia e contrarre calciatori se teniamo conto. ““Il Barcellona potrà firmare, sia in inverno che in estate”, ha detto il direttore generale del Barcellona Ferran Riverter. che la scorsa settimana si è recato a Manchester con il ds Matteo Alemani per valutare la possibilità di inserire Ferran Torres, uno degli estremi nell’agenda dei blaugrana. “Ma il Barcellona deve avere un bell’aspetto”, ha aggiunto Riverer.

Il blocco salariale del Barcellona è dell’85 percento

Fair play, l’ostacolo più grande

Le regole della Lega sono molto chiare. Se il club supera il 70% della spesa per gli stipendi, il datore di lavoro non consente l’iscrizione dei giocatori. E sebbene gli uffici del Barcellona abbiano lavorato molto per ridurre il blocco salariale negoziando aggiustamenti salariali con i dirigenti e anche con l’uscita di Messi e Griezmann, la verità è che il Barcellona ha un blocco salariale dell’85 percento. “L’obiettivo è passare da quell’85 percento al 65 percento”, indicano fonti dell’entità, che hanno indicato che la chiave del mercato di gennaio sta nell’addio di giocatori con stipendi importanti, come Coutinho o Umtiti. E lo stesso Xavi ha ammesso che “il club sta lavorando per rafforzarsi e uno di loro dovrà andarsene”.

READ  Jonathan Taylor può vincere il premio come miglior giocatore?

Il Barcellona deve liberare stipendi come quello di Coutinho o Umtiti per poter tesserare i giocatori

Samuel Umtiti e Xavi Hernandez

Samuel Umtiti e Xavi Hernandez

Miguel Ruiz FCB

A margine ci sono questioni in sospeso come il rinnovo di Sergi Roberto che lo stesso Xavi ha richiesto. “E’ un giocatore chiave e l’ho trasferito al club”, ha confermato. Così è Dembele, che segna l’inizio dell’undici contro il Betis. Riteniamo che sia una figura chiave in questo progetto. “Non è solo una questione economica”, ha detto Egarns, che ha chiarito che se non avesse rinnovato, avrebbe continuato a giocare.