Maggio 16, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il bilancio finale vale per la vittoria di Macron e l’astensione in Francia

Secondo i dati, nella ristampa del secondo round del 2017, il presidente ha ricevuto il sostegno di quasi 18 milioni e 800mila persone.

Nel frattempo, la rappresentante di estrema destra Marine Le Pen ha ricevuto circa 13 milioni e 300.000 voti, rispetto al 41,46 per cento, e altri due milioni e mezzo rispetto ai risultati di cinque anni fa.

Più di 13.600.000 dei 48.700.000 francesi chiamati alle urne si sono astenuti dal voto alle elezioni presidenziali di ieri, in un’assenza senza precedenti dal 1969, quando il 31 per cento degli iscritti all’albo ha smesso di votare alle elezioni presidenziali.

Oltre all’alto tasso di astensione, sono state depositate tre milioni di schede elettorali bianche o annullate, al 6,19%.

Macron è diventato il primo presidente rieletto della Francia dal 2002, quando Jacques Chirac ha sconfitto l’estrema destra Jean-Marie Le Pen, il padre di Marine.

Tuttavia, contando i voti ottenuti dal leader de La República en Marcha in relazione al numero totale degli elettori registrati, era del 38,52 per cento, un risultato solo migliore del 37,51 ottenuto nel 1969 da Georges Pompidou.

In un discorso di ieri sera ai suoi seguaci sugli Champs de Mars, il presidente ha promesso giudizio a tutti e si è detto consapevole che molti francesi lo hanno votato per non sostenere le sue idee e sì per bloccare l’accesso dell’estrema destra all’Eliseo.

Considerava anche che stavano arrivando anni difficili, ma allo stesso tempo storici, davanti ai quali chiedeva ai suoi connazionali di essere esigenti e ambiziosi.

Dal canto suo, Le Pen ha concentrato il suo intervento dopo la sconfitta sul disegno del panorama oscuro che, a suo avviso, metterà alla prova il Paese con la rielezione del suo avversario.

READ  OneWeb, l'alternativa a Starlink, fa rivivere 34 nuovi satelliti e li mette in orbita

Ha detto che temo che il mandato di cinque anni che si aprirà non romperà con pratiche vili e brutali, e che Emmanuel Macron non farà nulla per ricucire le divisioni che dividono il nostro paese e fanno soffrire i nostri connazionali.

Gli occhi di vari settori della politica francese sono ora rivolti alle elezioni legislative previste per giugno, che saranno un compito complesso per il partito al governo per mantenere il controllo dell’Assemblea nazionale.

j/wmr