Settembre 25, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il brasiliano Bradesco annuncia l’acquisto dell’istituto finanziario messicano

Questo contenuto è stato pubblicato il 25 agosto 2022 – 16:44

Rio de Janeiro, 25 agosto (EFE). Bradesco, la seconda banca privata più grande del Brasile, ha annunciato giovedì l’acquisto della famosa istituzione finanziaria messicana Ictineo Platform, attraverso la quale cerca di espandere la propria offerta di servizi in quel paese.

Secondo la dichiarazione della società, l’attività è stata svolta tramite Bradescard Mexico, una filiale della banca brasiliana in quel Paese e uno dei principali istituti di credito finanziario nel settore della catena di vendita al dettaglio.

I negoziati – il cui valore non è stato comunicato – sono soggetti all’approvazione della Commissione nazionale messicana per le banche e i titoli (CNBV) e la Banca centrale del Brasile.

Poiché opera come LLC, Bradescard Mexico non ha una licenza per operare negli altri fronti finanziari del paese, una porta che si aprirà una volta approvata la negoziazione.

“Saremo in grado di espandere le nostre operazioni avvicinandoci a una banca digitale con l’obiettivo di ottenere una presenza più solida in un mercato correlato come il Messico”, ha affermato Octavio de Lazzari Jr., presidente di Bradesco.

Bradescard opera in Messico da 12 anni e attualmente gestisce circa tre milioni di clienti di carte di grandi catene commerciali.

In futuro, oltre a offrire conti digitali, la filiale della banca brasiliana prevede di includere la finanza automobilistica e il credito ipotecario nel suo portafoglio di servizi e posizionarsi tra i maggiori emittenti di carte in Messico nei prossimi cinque anni. EFE

stuoia / cm / og

EFE 2022. La ridistribuzione e la ridistribuzione di tutto o parte dei contenuti dei Servizi EFE, senza il previo ed espresso consenso di Agencia EFE SA, è espressamente vietata.

READ  L'inflazione record non ha smorzato l'umore di spesa degli americani a marzo