Aprile 18, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il Calcio torna sul tetto d’Europa: Napoli, Inter e Milan ai quarti di finale di Champions League |  gli sport

Il Calcio torna sul tetto d’Europa: Napoli, Inter e Milan ai quarti di finale di Champions League | gli sport

Alcune vittorie diventano sintomi quando vengono poste su un foglio di tracciamento della storia. E l’arrivo del Napoli ai quarti di finale di Champions League per la prima volta, dopo aver eliminato l’Eintracht Francoforte con forza mercoledì sera in casa di Diego Armando Maradona (5-0 nel girone complessivo), è stato un riflesso del cambio di passo che ha visto il calcio italiano quest’anno. Per la prima volta in 17 anni, tre squadre di Calcio sono tra le otto migliori squadre d’Europa: Inter, Milan e Napoli. Una svolta importante la cui parentela è da attribuire anche a una manciata di coincidenze – il pareggio tra Inter e Porto non fu esattamente una vittoria clamorosa per il Milan – ma mise fine a una fase decadente del calcio transalpino.

L’Italia ha attraversato un periodo buio in cui le squadre hanno lasciato i suoi confini. Compresa la stessa Nazionale, eliminata dalle qualificazioni agli ultimi due Mondiali. Tuttavia, ora è l’unico paese in Europa a piazzare tre club nel prossimo turno di Champions League. L’Inghilterra ne detiene due (City e Chelsea) e il resto solo uno. Inoltre oggi il Calcio ambisce ad avere altre quattro squadre (Roma, Juventus, Fiorentina e Lazio) nei quarti di finale delle competizioni europee. Lo scenario è inconfutabile per l’analisi generale. Tuttavia, i dati nella competizione nazionale non sono così alti.

Il Napoli, l’unico di quei tre club a cui appartiene un imprenditore italiano (il produttore Aurelio De Laurentiis), è avanti di 18 punti rispetto al secondo, l’Inter. Le seguenti quattro classificate sono in lotta per le posizioni in Champions League a causa di straordinarie sconfitte o tristi pareggi contro l’ultimo della classifica: come quello tra Milan e Salernitana lo scorso fine settimana. Potrebbe esserci una mancanza di tensione. Come accaduto negli ultimi anni, quando la Juventus è uscita dal circolo del sospetto finanziario nove volte di fila scudetto in un viaggio trionfante. Una serie storica di vittorie che però ha avuto un riflesso amaro in Europa, dov’è stato Via Signora Non alzano la Champions League dal 1996.

READ  Polillo Gomez ha permesso a Juanfer di unirsi alla squadra nazionale colombiana

L’ultima Champions League lanciata da un club transalbanese è stata l’Inter di Mourinho nel 2010. Una vittoria isolata che ha avuto il sapore della gloria finita un decennio fa. Adesso le cose possono cambiare, dice il giornalista e scrittore Paolo Condo. È una combinazione di fattori. Abbiamo fatto un sorteggio fortunato: le tre squadre italiane hanno affrontato gli avversari più deboli possibili. Ma quest’anno il Napoli è una squadra forte che gioca un calcio molto europeo, come ha detto lo stesso Guardiola. E ha fatto un miracolo che tutti i club sognano: scoprire un giocatore eccezionale che nessuno conosceva. Oggi è quasi impossibile”. Si tratta del georgiano Jvicha Kavaratskhelia, uno degli acquisti che l’amministrazione sportiva del Napoli ha tirato fuori negli ultimi anni con costi relativamente bassi (lo hanno pagato 11 milioni).

Il sorteggio degli ottavi, senza dubbio, ha conservato un po’ di ricchezza per gli italiani. «Sì, ma nel calcio non ci sono coincidenze», ha risposto al telefono Dino Zoff, mitico portiere della Juventus. “Le nostre squadre tirano fuori il meglio di sé quando vanno fuori dall’Italia. Mentre nel torneo gli arbitri si fermano bruscamente, proteste e una certa lentezza, che non si vede. Fuori devi lavorare come chiede il calcio internazionale, e quello Tira fuori il meglio di noi. Queste sono qualità che non ne sfruttiamo molte volte nel nostro campionato. La chiave è che i quattro club che oggi lottano per la qualificazione alla Champions League hanno giocatori di qualità per la prima volta da molto tempo”.

Tutte queste squadre hanno costruito le loro squadre dal basso – Milan e Inter hanno anche investito piccole somme alla ricerca di talenti sconosciuti – ma hanno coltivato una tradizione difensiva che è riemersa, aggiunge Kondo. Le squadre italiane nei quarti di finale non hanno subito gol in questo confronto. “E questo è molto importante. Negli ultimi 20 anni abbiamo vissuto con la vergogna di essere grandi difensori. Quindi eravamo brutti, cattivi e sporchi. Ma le tre squadre hanno sofferto molto solo nei minuti di recupero. Il Tottenham praticamente non ha tirato in porta”. Come ai vecchi tempi.

READ  Classifica del Gran Premio di Francia MotoGP dal vivo

Il Calcio è stato tutto tra il 1991 e il 2001. Un intero decennio in cui gli standard UEFA hanno assegnato alla Serie A il titolo di miglior campionato d’Europa. La competizione che generò la maggior parte dei Palloni d’Oro dell’epoca (Papin, Van Basten, Weah…) e generò ingenti introiti commerciali e televisivi. Era l’era dei club/società. Berlusconi con il Milan, Cragnotti con la Lazio, Inter con Moratti. Grandi uomini d’affari mettono le loro fortune personali al servizio di alcuni team che anni dopo sono finiti in bancarotta. Oggi questo lungo crepuscolo può essere spiegato da ulteriori elementi sportivi come il modello di business o la cattiva gestione dei club, oggi in mano a fondi di investimento di gruppi americani o cinesi. La nebulosa inizia a superare se stessa.

Puoi seguire EL PAÍS Sports su Facebook E Cinguettioo registrati qui per ricevere Notiziario settimanale.