Settembre 28, 2021

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il cantautore Pablo Milanus denuncia la repressione del regime cubano: “Questo è irresponsabile e assurdo”

Il cantautore cubano Pablo Milanus.

Il cantautore cubano Pablo Milanus ha scritto: “È irresponsabile e assurdo sacrificare e sopprimere tutto per sostenere un regime che ha sacrificato e imprigionato tutto per decenni”. In un crudo post su Facebook.

Artista confía “Cercare il miglior sistema di convivenza e prosperità tra il popolo cubano, con piena libertà, senza oppressione, senza fame”.

Secondo Milan, “I giovani, con l’aiuto di tutti i cubani, devono essere il motore del cambiamento”.

“Nel 1992 credevo fermamente che il sistema cubano fosse sicuramente fallito e l’ho condannato. Ora ribadisco le mie dichiarazioni”., Ha punito, ha deliberatamente rovesciato la dittatura di Castro.

Il post crudo del Milan Milan
Il post crudo del Milan Milan

Ha sottolineato: “A 78 anni, continuerò a fare commenti simili finché la mia salute non me lo consentirà”.

La cruda analisi di Milano è arrivata dopo che migliaia di cubani sono scesi in piazza in tutta l’isola per chiedere la fine della dittatura, a seguito dell’arresto di centinaia di manifestanti, dissidenti, artisti e giornalisti nell’isola in relazione alle storiche proteste dell’11 luglio.

Non solo la rivendicazione milanese, ma Nei giorni scorsi decine di famosi musicisti cubani, tra cui i membri della band Los Von Van e il pianista Suzuki Waltz, hanno espresso il loro sostegno alle proteste antigovernative e respinto la repressione del regime.

“Sono profondamente rattristato da ciò che la mia gente, compresa la mia famiglia, sta soffrendo, ed è molto doloroso vedere le condizioni disumane in cui vivono così tanti cubani”, ha detto il pianista e compositore sulla sua pagina. Gesù “Sucho” ValdeS, e sul tuo account Facebook.

“Non avrei mai pensato che le forze dell’ordine a Cuba avrebbero attaccato persone comuni e pacifiche come i cubani”, ha detto sulla sua pagina sullo stesso social network. Il compositore e chitarrista Leo Brewer. Il musicista ha lasciato il suo messaggio nella sua nota scritta a mano, che ha pubblicato sul suo account. “La portata e le immagini che vedo della violenza contro un popolo rivelano che mi ferisce in modo rilassato”, ha detto Adelberto Alvarez su Facebook.

READ  Una città medievale in Italia vende case a un euro: quali sono i requisiti

Pochi giorni fa il cantautore cubano Della situazione sull’isola ha parlato anche Silvio Rodriguez, che ha chiesto scusa a tutte le persone detenute. È stato mandato in prigione Castro ha detto che dopo le massicce proteste contro la dittatura, la nuova generazione sull’isola non si è sentita parte del processo rivoluzionario perché ha provato dolore.

(Reuters)
(Reuters)

La Commissione statunitense per i diritti umani (IACR) ha espresso ieri la sua “preoccupazione” per quelle che considera “gravi violazioni” dei diritti umani registrate a Cuba a seguito delle proteste.

In una dichiarazione, il Relatore Speciale per la Libertà dell’Ufficio IACHR ha ribadito il suo rifiuto di “misure repressive durante le proteste” e ha avvertito che le denunce della società civile erano “serie e dovrebbero attirare l’attenzione delle autorità cubane e”. Comunità internazionale “.

“Secondo i rapporti, la polizia è stata dispiegata per le strade e nelle case private dopo la protesta, durata diversi giorni”, si legge nel comunicato.

L’IACR, quindi, sottolinea che gli incidenti condannati “includono la detenzione di centinaia di manifestanti, la detenzione di detenuti e l’incertezza dei parenti circa la loro ubicazione”.

Continua a leggere: