martedì, Luglio 16, 2024

Top 5 This Week

Related Posts

Il caso dei due astronauti che non possono tornare sulla Terra

Il ritorno della navicella spaziale Boeing sulla Terra era previsto per il 18 giugno, dopo aver condotto una serie di test per sette giorni sulla Stazione Spaziale Internazionale. I responsabili della missione sono già stati rinviati tre volte Starliner è tornato e non hanno ancora una data chiara perché ciò accada.

Secondo le informazioni raccolte dal sito “20 Minutes”, il primo veicolo spaziale con equipaggio della Boeing è riuscito a raggiungere la Stazione Spaziale Internazionale (ISS) il 6 giugno, ma la missione, che inizialmente doveva durare una settimana, incontra molti problemi e problemi Butch Wilmore e Sonny Williams della NASA non sanno ancora quando torneranno a casa.

“Ci prendiamo il nostro tempo e seguiamo il processo standard del nostro team di gestione della missione.” Steve Stich, direttore del Commercial Crew Program della NASA, ha riferito venerdì 21 giugno.

Secondo l’agenzia spaziale, si stanno valutando “opportunità per futuri ritorni” una volta completate le due passeggiate spaziali previste dalla Stazione Spaziale Internazionale lunedì 24 giugno e martedì 2 luglio. D’altro canto, anche queste attività hanno dovuto essere rinviate a causa del “problema di disagio con la causa”.

Nonostante sia “intrappolata” sulla Stazione Spaziale Internazionale, la NASA conferma che la navicella spaziale Starliner della Boeing è ancora autorizzata a ritornare in caso di emergenza sulla stazione spaziale.Ciò richiede che l’equipaggio lasci l’orbita e ritorni sulla Terra.

Perché il ritorno di Starliner sulla Terra viene ripetutamente rinviato?

La capsula spaziale Starliner è stata lanciata il 5 giugno a bordo di un razzo Atlas 5 per trasportare gli astronauti Wilmore e Williams sulla Stazione Spaziale Internazionale. La nave arrivò il giorno successivo, con più di un’ora di ritardo. Dopo aver avuto alcuni incidenti con il propellente e una perdita di elio.

READ  La NASA approva i piani per il suo prossimo progetto cosmico: il Madrid Deep Space Communications Complex

Il ritorno sulla Terra era previsto per il 18 giugno, ma una nuova perdita di elio, la quinta dal decollo, ha spinto gli ingegneri della NASA e della Boeing a riconsiderare la situazione.

Come abbiamo detto, l’agenzia spaziale ha annunciato venerdì scorso che Starliner dovrà rimanere attraccato nel porto anteriore del modulo Harmony della Stazione Spaziale Internazionale ancora per qualche giorno. Questo rappresenta il terzo ritardo per la missione di ritorno sulla Terra.

“Stiamo lasciando che i dati guidino il nostro processo decisionale in merito alla gestione delle piccole perdite nel sistema di elio e alle prestazioni di propulsione che osserviamo durante il rendezvous e l’attracco”, ha spiegato Stitch.

Oltre alle perdite di elio, note già prima del decollo della nave, i problemi citati dal Commercial Crew Program Manager della NASA riguardano cinque guasti. In 28 eliche manovrabili.

Ricordiamo che questa missione, che mirava a dimostrare che lo Starliner era un veicolo sicuro per andare e tornare dalla Stazione Spaziale Internazionale, ha avuto ritardi nel lancio per diversi mesi finché non è stato finalmente in grado di decollare dalla Terra.

La NASA minimizza la gravità del problema dello Starliner

Stitch ha confermato che “lo Starliner si sta comportando bene in orbita durante l’attracco con la stazione spaziale” e ha commentato che stanno “strategicamente” utilizzando il tempo extra per “Largo ad alcune importanti attività della stazione”, ha detto, riferendosi ai tour a piedi in programma.

Ha aggiunto che nel frattempo stanno completando la “preparazione per il ritorno di Butch e Sonny” nella capsula spaziale e stanno ottenendo “preziose informazioni sugli aggiornamenti di sistema” che verranno applicati alle missioni successive a questa missione. Il suo obiettivo, come affermato sopra, è quello di ottenere la certificazione dello Starliner come nave di trasferimento verso la Stazione Spaziale Internazionale.

READ  Microsoft dichiara guerra a coloro che ignorano i requisiti minimi di Windows 11 sui PC più vecchi

Sebbene Starliner sia progettato per future missioni della durata di sei mesi, potrebbe rimanere agganciato alla ISS per un massimo di 45 giorni durante la sua missione attuale. Secondo le informazioni ottenute da Reuters.

La separazione dallo Starliner e il ritorno sulla Terra rappresentano le fasi più complesse della missione di test della navicella spaziale.

Nonostante sia “intrappolata” sulla Stazione Spaziale Internazionale, la NASA conferma che la navicella spaziale Boeing Starliner è ancora autorizzata a ritornare in caso di emergenza alla Stazione Spaziale che “richieda all’equipaggio di lasciare l’orbita e tornare sulla Terra”.

Nevio Buratti
Nevio Buratti
"Evangelista di zombie dilettante. Creatore incurabile. Orgoglioso pioniere di Twitter. Appassionato di cibo. Internetaholic. Hardcore introverso."

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Popular Articles