Dicembre 4, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il cellophane e la vita di Einstein – Juventud Rebeldi

Gli ultimi anni di vita dello scienziato più in vista del XX secolo, Albert Einstein, potrebbero essere dovuti all’uso insolito del cellophan

Albert Einstein è considerato uno degli scienziati più importanti del 20° secolo, come coniato dalla rivista Time. Poco è stato detto sulla causa della morte del padre della teoria della relatività, che era – come molte cose che hanno circondato la vita di questo scienziato – interessante e interessante.

All’età di venticinque anni Einstein pubblicò in un quadrimestre – da marzo a giugno 1905 – quattro opere riconosciute come trasformative in fisica: 17 anni dopo, una di queste opere merita il premio Nobel per la fisica.

Nel 1932 Einstein, di cittadinanza tedesca e svizzera, emigrò negli Stati Uniti a causa dell’ascesa al potere dei nazisti e del forte antisemitismo scatenato in Europa contro la comunità ebraica. Ha lavorato come ricercatore presso l’Institute for Advanced Study dell’Università di Princeton, nel New Jersey, dove ha lavorato e condotto ricerche fino alla sua morte.

E mentre è strano immaginare, si può dire che parte dell’ultimo decennio della vita del mondo è stata “ricoperta di cellophan”.

cellophan

In tempi contemporanei, l’uso del cellophane è visto come qualcosa di ordinario e indispensabile. Tuttavia, quasi nessuno smette di indagare sulle origini dell’invenzione: l’invenzione appartiene allo svizzero Jacques Edwin Brandenburger, che in un primo momento volle inventare qualcos’altro.

Nato a Zurigo il 19 ottobre 1872, Jacques si laureò all’età di 19 anni presso il Dipartimento di Chimica dell’Università di Berna. Con la più alta distinzione ottenuta in quel campus, era il più giovane laureato in chimica. Dopo aver completato gli studi, andò a lavorare come esperto di coloranti nell’industria tessile in Francia.

READ  L'Argentina detiene la presidenza ad interim di CELAC

Un giorno del 1900 si trovava in un elegante ristorante parigino quando un cameriere versò stupidamente il contenuto di una bottiglia di vino rosso sulla tovaglia davanti a lui. L’intervento immediato del personale di servizio in questo ristorante è stato inutile e, come previsto, la tovaglia si è danneggiata e ha dovuto essere cambiata.

Questa scena persisteva nella mente del farmacista come una preoccupazione scientifica: cosa accadrebbe se la tovaglia fosse fatta di un ingrediente che respinge lo sporco?

Tornò in laboratorio e iniziò gli esperimenti. Ha rivestito i tessuti con fibre sintetiche a base di cellulosa naturale che, sebbene resistenti all’inquinamento, sono diventate rapidamente fragili e deodorate dal tessuto.

Il giovane ricercatore si rese conto che la sua invenzione non era del tutto inutile: il film uscito poteva essere utilizzato per altro; Ad esempio, per l’imballaggio alimentare.

Lo scienziato ha trascorso circa dieci anni a perfezionare la sua invenzione. È successo così e ha brevettato questo film, che ha chiamato cellophane. L’origine di questa parola risale alla materia prima xilosio (cellulosa), termine greco diavanche significa trasparenza.

Brandenberger ha anche immaginato le macchine utilizzate per la produzione – con dimensioni gigantesche di circa 70 metri – che sono utilizzate ancora oggi, secondo alcune fonti di informazione, più o meno allo stesso modo di un tempo.

Il cellophane ha avuto un impatto significativo sulla vita sociale e le sue proprietà – impermeabile, antigrasso, trasparente, biodegradabile, resistente alle intemperie, inodore e insapore – hanno trovato molti usi, soprattutto negli imballaggi per regali e alimenti.

La malattia di Einstein

Tornando al personaggio di Einstein, di seguito verrà svelato un interessante rapporto tra la vita di questo scienziato e il cellophane: nonostante fumasse costantemente fin da adolescente, aveva abitudini alimentari spericolate e conduceva una vita sedentaria. Einstein è stato un’esistenza sana fino all’età di 69 anni.

READ  Gli alti dirigenti vietnamiti danno il benvenuto al primo ministro laotiano

Da quel momento in poi, lo scienziato iniziò a lamentarsi di inspiegabili dolori addominali, divenuti via via insopportabili. Un amico radiologo lo convinse a entrare nell’ospedale ebraico di Brooklyn e lo presentò al dottor Nissen, che all’epoca era il capo della chirurgia in quel centro.

Anche il dottore era di origine ebraica ed emigrò negli Stati Uniti a causa del nazismo. All’esame obiettivo, ha descritto il dolore nell’addome in alto a destra e la palpazione di una massa addominale superiore che pulsava ad ogni battito cardiaco.

Intervento chirurgico consigliato per il trattamento di possibili malattie della cistifellea, per escludere la presenza di aneurismi e per esplorare l’addome nel processo.

Durante l’operazione, Nissen ha riscontrato che la cistifellea era normale e ha notato un aneurisma aortico (aneurisma dell’aorta) in procinto di rompersi: aveva un diametro di circa 10-12 centimetri.

A quel tempo, le tecniche chirurgiche avanzate per il trattamento degli aneurismi aortici, come lo sono oggi, erano ancora sconosciute. Di fronte a questo caso, il dottor Nissen ha scelto di avvolgere l’aneurisma con uno strato di cellophan giallo, per fermare o ritardare la sua crescita, rottura e morte del paziente. È stata questa procedura che è stata utilizzata “apparentemente con successo” nel trattamento degli aneurismi dell’aorta toracica, causati dalla sifilide, e solo negli aneurismi addominali nel 1948.

Einstein visse praticamente indisturbato per altri cinque anni durante i quali fu un’attività intellettuale molto produttiva. Nell’aprile 1955, iniziò di nuovo a provare forti dolori addominali ed era consapevole della sua cattiva intuizione come avvertimento che il suo aneurisma si era rotto, portando alla sua morte il 18 aprile 1955.

READ  Uruguay, un legame storico e per un mondo sostenibile

La vita di Einstein è stata piena di sorprese e acutezza, anche nella sua malattia, poiché i suoi ultimi anni probabilmente erano appesi a un semplice involucro di cellophan.