Settembre 25, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il cinema prodotto da donne trova il suo posto al Jinerama Film Festival | Cultura e Spettacolo | Edizione Andalusa

Le storie raccontate dai registi hanno trovato un luogo di incontro e di spettacolo a Generamma, il festival del cinema al femminile che si svolge a Chiclana de la Frontera (Cadice) dal 7 all’11 settembre e che quest’anno propone due film preselezionati per gli Oscar della Film Academy, “Cinco Lopetos” e “Karas”. Generamma sta aiutando a “correggere lo squilibrio che si verifica in altri festival” come San Sebastian, dove solo 3 dei 19 film in competizione nella divisione ufficiale quest’anno sono stati diretti da donne, ha detto a EFE Acosta la direttrice dell’evento, Oliva. Creato dall’Associazione andalusa delle donne nei media audiovisivi (AAMMA), questo spettacolo è nato a causa della difficoltà di ottenere spazi visivi nei festival ogni anno e, sebbene stia guadagnando a poco a poco, “ci è voluto molto lavoro per ottenere il nostro “. Acosta chiede a chi dice che feste come la sua non sono necessarie e chiede loro: “Perché no, se viviamo in un mondo con feste tutte per uomini?” “Quando questo squilibrio cambierà e i festival diventeranno uguali e ci sarà un’eguale rappresentanza delle donne, non ci sarà bisogno di eventi come il nostro”, ipotizza il regista, affermando che non aspetteranno “fino al 2050” perché questa disuguaglianza finisca. “Ora stiamo facendo il nostro lavoro e basta”, aggiunge. Nella sua seconda edizione verranno proiettate “alcune perle del cinema spagnolo della stagione” e verranno proiettati film con un prestigioso elenco di vincitori (Oso de Oro a Berlino, Biznaga de Oro a Malaga, nomination per Goya e corto per il Oscar) che “dimostrano non solo la qualità dei registi, ma eccellono anche nel lavoro svolto dai registi”. “Abbiamo selezionato sei film che hanno vinto tutto e continueranno a farlo. Il regista prevede, riferendosi al film “Cinco Lobitos” di Alauda Ruiz de Azúa, che ha aperto questo festival il 7 settembre e ha vinto il premio Biznaga de Oro in Malaga. Sigillo femminile in questo 2022 Fai un “Troppo facile”, nelle parole del suo organizzatore, che ammette di lasciare i bar “molto interessante”. la rappresentanza femminile in ruoli dirigenziali rappresenta solo il 19% del settore contro l’80% degli uomini. Questi dati mostrano la necessità di festival come Generamma, dove il lavoro di registe spagnole che, in molte occasioni, non ce la fa al cinema o durano meno del lavoro dei loro coetanei “quando la maggior parte del pubblico nei cinema sono donne, “Vogliamo che ci mostrino Cinco Lopetos al cinema. Vogliamo vedere cosa mettiamo in questo festival”, afferma Acosta . Questa stessa relazione indica che il budget dei direttori è inferiore del 51% a quello dei direttori, un dato negativo che però non intacca la qualità del prodotto. “Con i budget che abbiamo, guarda il grande lavoro che facciamo. Dammi più soldi e vedrai come farò di te un film d’azione”, risponde Acosta ai frequenti commenti secondo cui le registe fanno solo “film al femminile”. .’ Uno dei momenti clou di questo festival arriverà nella seconda giornata, dal titolo Casting for Equality, che mira a “smantellare quei tappeti rossi dove le attrici si espongono fisicamente, lasciando da parte il prezioso contributo di queste donne al cinema”. “Vogliamo lasciare questo tappeto rosso e sentirci dire cosa significa essere un’attrice, le difficoltà che deve affrontare e le sue esigenze”, spiega Acosta. Con due uscite, Generamma è un progetto che sta generando “interesse ed entusiasmo” per gli sponsor, come SGAE, e in un anno ha raddoppiato il budget, “sebbene sia ancora piccolo”, avverte. Lo sforzo di costruire un concorso lontano dagli “spazi comuni” dei festival pubblici e pensare a fondo e non al numero di film è “troppo grande”, motivo per cui si preferisce “immergersi tranquillamente” nel cinema. Le donne fanno e fanno “meno film e più pause”. “Vogliamo che le persone scoprano film travolgenti e vogliamo venire al cinema a vederci”, augura il regista. Guardando al futuro, Generamma vuole continuare a crescere e andare oltre un campione di film, ampliando il proprio format per creare una divisione competitiva sullo stile di altri e ambiziosi concorsi cinematografici, Acosta Dreams, mentre “realizza la visione dei grandi festival” . Inoltre, in questa seconda edizione, verranno poste le basi affinché Generamma diventi un “punto di incontro” dove si incontrano i cineasti delle sponde dell’Atlantico, dei Caraibi e del Mediterraneo e verrà assegnato il Premio AAMMA alla carriera a Lala Obrero, Direttore e Direttore Artistico.

READ  L'essenza di "Cha Cha Real Smooth" è la connessione tra madre e figlia