Maggio 22, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il denaro è un requisito per avviare un’impresa?

Conosciamo esempi di grandi imprenditori che sono partiti praticamente da zero, ma i numeri suggeriscono che i redditi più alti stanno facendo di più.

Nell’immaginazione del sistema economico del mondo occidentale c’è qualcosa come un mito. In un certo senso, è ambizioso. L’idea che sia possibile creare aziende di successo praticamente da zero. Per dare vita a questo elemento di fantasia, tutti hanno sentito parlare di come le potenti aziende di oggi siano emerse qualche decennio fa in qualcosa di più di un semplice garage. Giganti come Amazon, Microsoft e Apple sono la prova vivente di come gli umili inizi possano tradursi in un enorme successo. La domanda è fino a che punto il denaro posseduto dall’imprenditore o dalla sua famiglia influisca sul potenziale successo della sua futura azienda.

Quando si pone la domanda a persone diverse con conoscenza del mondo degli affari, le risposte ottenute puntano nella stessa direzione. Avere molti soldi o avere una famiglia non è necessario per avviare un’impresa, ma ovviamente aiuta. Tuttavia, come componente essenziale, si riferivano tutti alla formazione ed è vero che il denaro può consentire l’accesso a un’istruzione di migliore qualità. Entrambi sono nei casi MicrosoftE il manzana E il Amazon Il principale fondatore aveva un’istruzione superiore, che è completamente antieconomica negli Stati Uniti.

Analizza i dati estratti dal report Monitoraggio globale dell’imprenditorialità 2020-2021, preparato dall’Osservatorio spagnolo sull’imprenditorialità, si può concludere che maggiore è il livello di reddito, maggiore è il numero di imprenditori. Per il loro rapporto, il team responsabile ha diviso la popolazione spagnola totale in tre parti in base al loro livello di reddito. I dati mostrano che all’interno del 33% della popolazione con i redditi più alti, l’11,3% di questo gruppo ha avuto qualche attività imprenditoriale negli ultimi tre anni e mezzo. Nel 33% corrispondente a redditi più bassi, meno della metà sono imprenditori, precisamente il 4,5% (vedi grafico).

Nonostante questa tendenza verso redditi più alti per fare di più, la verità è che la tecnologia e la digitalizzazione significano che sono necessarie meno risorse che mai. Fermin AlbaladejoPresidente Federazione Spagnola delle Associazioni dei Giovani Imprenditori (Ceaje), afferma che la costituzione di una società in attività più legate alla tecnologia è relativamente accessibile da un punto di vista economico. “Non è necessario un forte investimento iniziale per creare, ad esempio, una pagina e-commerce. Ma, d’altra parte, se ci spostiamo in un’azienda più tradizionale, ad esempio, sulla vendita di prodotti non solo online, l’investimento va davvero Anche quando non hai i soldi per affrontare l’intero investimento, la banca ti finanzierà a patto che l’imprenditore metta parte del necessario, il 20%”, sottolinea.

READ  Bitcoin perde l'11% in un giorno di vendita Da Investing.com

Sognare di iniziare con ingenti somme di denaro da investire non è condizione per non avviare un’impresa

Risorse

L’esempio utilizzato da Alaladejo mostra che, sebbene sia generalmente più facile da fare, ci sono settori in cui, per loro natura, è ancora necessario investire molto. Ma anche grazie ai finanziamenti è possibile accedervi senza molte delle risorse precedenti. Per ottenere le garanzie necessarie gli imprenditori si rivolgono spesso alla famiglia, ma per chi non ha questa possibilità Palladgio ricorda che esistono associazioni di mutua garanzia, associazioni specificamente dedite a garantire iniziative imprenditoriali.

La tecnologia e la sua maggiore accessibilità sono fondamentali per facilitare l’imprenditorialità. La dieci volte imprenditrice Joanne Riera, professoressa di Esade e fondatrice dell’Esade Ban Network of Business Angels, la pensa così. “La tecnologia si è democratizzata e tutto è diventato un servizio. Solo dieci anni fa le grandi multinazionali avevano sistemi di videoconferenza. Oggi Zoom premium costa 10 euro. È solo un esempio. Si usa in CRM, per sito web, per gateway di pagamento” , sono i dettagli.

per questa parte, Giuseppe Luigi PereaSegretario Generale di Associazione dei Lavoratori Autonomi (ATA), afferma che è molto più facile da fare ora rispetto a qualche anno fa dal punto di vista finanziario. “Alcuni decenni fa, i tassi di interesse sui finanziamenti erano alti, il che rendeva più costoso prendere in prestito. Ora abbiamo più aiuti pubblici per aprire un’impresa. Dal punto di vista della previdenza sociale, c’è un tasso forfettario, cioè di base. Abbiamo lavorato per creare questo ecosistema basato sulle affermazioni. Questo aiuta l’imprenditore nei momenti più difficili, che è l’inizio. ”

Dove prendi i soldi?

Il Global Entrepreneurship Monitor ha dimostrato che il modo più comune per finanziare un’impresa in Spagna è principalmente attraverso i risparmi personali. Rera rivela perché è importante farlo in questo modo. “Il primo finanziamento dovrebbe sempre essere fornito dall’imprenditore”, afferma Riera. “Sono stato uno dei fondatori del Business Angel Network di Esade. Posso parlarti anche dal punto di vista di un investitore”.

“La prima cosa che guardiamo prima di investire è che l’imprenditore ha investito i propri soldi, perché questo dimostra impegno. Qui, ‘non ho un solo euro’ non importa. Parliamo anche di convincere amici o familiari . Le persone chiudono. A questo punto, gli investitori pensano che se l’imprenditore non contribuisce con i propri soldi, significa che non si fida del progetto. E se non possono venderlo a persone che si fidano di loro, noi no. Bene, perché impegnarsi a vendere? Dice: “Se è un progetto attraente, funziona sempre. Dal punto di vista degli investimenti, ci sono molti soldi, ma non sono disponibili progetti interessanti”.

Sulla possibilità di voler utilizzare l’assistenza pubblica come motore chiave per la creazione di un’impresa, Berea avverte: “È vero che esiste un importante ecosistema di assistenza pubblica all’imprenditorialità. E in alcune comunità autonome esiste un’assistenza diretta che può raggiungere € 9.000. Una tariffa fissa di € 60 viene applicata alla quota di libero professionista. Ma non puoi avviare un’attività in base all’aiuto. Devi avere alcune conoscenze preliminari prima di avviare un’impresa. ”

Idee

I tre esperti sottolineano il ruolo importante che un buon allenamento gioca quando si tratta di raggiungere ciò che tutti capiscono attraverso il successo quando prendono la decisione di farlo. Il segretario generale dell’ATA afferma che l’associazione è alla ricerca di una formazione generale per gli imprenditori per fornire loro le conoscenze fiscali di base, in modo che sappiano le tasse che dovranno affrontare e possano sviluppare un piano aziendale e aiutarli a capirlo. Cinco Dias ha affermato il potenziale della digitalizzazione per il proprio business.

Albaladejo, di Ceaje, si rammarica che queste questioni fondamentali non vengano nemmeno insegnate all’università. “Questo è un problema. Questo viene insegnato nelle business school o nei corsi online che consentono una formazione rapida e poi messa in pratica. Il problema educativo in Spagna è profondo. Non tutti i governi possono emanare una nuova legge che in realtà è una patch della prima .”

Riera, sebbene sia sicuro che sia meglio avere un MBA prima di avviare un’impresa, avverte che ci sono dei rischi nell’educare gli imprenditori. “Devi stare attento perché ti rende più consapevole dei rischi e questo può rallentarti. Per avviare un’impresa, devi avere un certo grado di subconscio. È molto meglio avere le conoscenze, ma a volte sai che tanti parametri possono bloccarsi”, avverte l’insegnante.

Devi impegnarti?

Alla domanda sull’aspetto del profilo di un imprenditore, Berry ha risposto che è vario e che ci sono alcune persone che sono costrette a farlo. “Ci sono molte persone che hanno avviato la loro attività per necessità. Fanno parte dei settori in cui molti lavoratori sono stati licenziati e non hanno altra scelta. È chiaro che l’imprenditorialità per necessità non è la stessa cosa dell’imprenditorialità per convinzione , quello che dobbiamo fare è aiutarli”.

READ  I prezzi dell'elettricità sono aumentati del 28% lunedì a € 167,67/MWh di EFE

Avere una buona idea e un business plan ben strutturato è anche una parte essenziale dell'imprenditorialità.

Avere una buona idea e un business plan ben strutturato è anche una parte essenziale del business.

Palladgios crede che le pressioni dell’ambiente non dovrebbero essere in grado di indurre qualcuno a prendere una decisione di cui non è convinto. Che sia nell’imprenditorialità o nella vita in generale. “Per i giovani, l’imprenditorialità potrebbe non essere attraente a causa dei costi e delle procedure coinvolte, e questo accade anche a causa della disinformazione. Questo è lo scopo delle associazioni imprenditoriali spagnole, informare”, afferma il presidente di Ceaje.

Al contrario, Rera ritiene che nell’attuale contesto di rapidi cambiamenti in cui viviamo, come lavoratore dipendente, si sia perso il valore aggiunto che la stabilità ha fornito, poiché nulla è ormai certo, e in questo contesto l’imprenditorialità inizia a non apparire come pericoloso. “Poi ci sono le classiche argomentazioni sui meriti dell’imprenditorialità. La principale causa di disabilità nel mondo occidentale è la depressione. La depressione è quando arriva il lunedì e non vuoi alzarti dal letto. L’imprenditorialità non è solo una questione di soldi , dopotutto si tratta di un sogno. Il libro paga praticamente ti rende schiavo. Perché stai rinunciando ai tuoi sogni per quei soldi. La libertà di creare un’organizzazione con i tuoi valori, di cercare di migliorare la società, di aiutare il tuo ambiente non ha prezzo. “

Alla luce dei commenti di chi è stato consultato per questo articolo, avere un’idea e soprattutto crederci è meglio che avviare un’attività di cui non ti fidi, anche se hai molti soldi. “Più che attrarre risorse, ha senso che più risorse, maggiori sono le possibilità di sviluppo del business, e penso che il fatto che ci siano soldi prima di avviare un’impresa influisca sulla difficoltà. La mortalità delle imprese è molto più alta nei primi tre anni. Questi Sono gli anni più difficili quando si tratta di ricercare i clienti e il nostro posto. Avere più soldi sul conto ti dà più spazio di manovra e allunga questo periodo fino a trovare un posto nel mercato”, conclude Beria.