Ottobre 3, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti prevede un’elevata domanda di noci cilene e rivela numeri promettenti per il settore

Le esportazioni di noci crescono ogni anno in Cile e i dati sono positivi per questa nuova stagione. secondo Un rapporto del Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti (USDA) per la campagna 2022/23, il Cile produrrà 165.000 tonnellate di noci, con un aumento del 7,8% rispetto alla campagna 2021/22, dopo l’aumento della superficie coltivata e l’aumento dei raccolti.

Nonostante il recente calo dei ricavi, la domanda di noci cilene è forte ei contatti del settore prevedono una crescita continua a lungo termine. La regione coltivata a noci si trova al centro del sud del paese, tra le regioni di Valparaíso e Maule.

La principale area di produzione è il capoluogo, che rappresenta il 37,6% della superficie coltivata. La superficie coltivata è cresciuta del 16,4% negli ultimi tre anni.

Per quanto riguarda le esportazioni di noci, si prevede di raggiungere le 162.500 tonnellate di gusci, che rappresentano una crescita del 7,6% durante la campagna 2021/22. Per la campagna 2022/23, la produzione di mandorle dovrebbe raggiungere le 11.400 tonnellate, con un aumento del 3,6% rispetto alla campagna 2021/22, grazie all’aumento della superficie coltivata e alle rese più elevate.

L’autorità ha indicato che le esportazioni di mandorle ammonteranno a 8.250 tonnellate, con un aumento del 3,1% rispetto alla campagna 2021/22. Nel frattempo, il consumo di mandorle in Cile dovrebbe raggiungere le 7900 tonnellate. Gli Stati Uniti rimangono il principale fornitore di mandorle del Cile, con una quota di mercato del 98%.

Zona coltivata

L’USDA ha stimato che la superficie coltivata crescerà dell’1,8% nella campagna 2022/23 e raggiungerà i 44.500 ettari. La superficie coltivata a noci raggiungerà i 43.375 ettari nella campagna 2021/202, con una crescita dello 0,1% rispetto al 2020/21.

READ  L'Argentina sarà il più grande produttore mondiale di litio, con 12 progetti in corso

L’aumento previsto è in linea con i cambiamenti storici, in quanto la superficie coltivata è cresciuta costantemente dalla campagna 2011/2012. A partire dalla campagna 2020/21, la crescita della superficie coltivata è rallentata a causa dei minori redditi per gli esportatori di noci cileni a causa dell’aumento dei costi di produzione, lavorazione e trasporto.

Cile. Feedback

In merito ai dati forniti dal rapporto dell’USDA, Edmundo Valderrama, presidente di ChileNut, ha dichiarato a Portal Frutícola che i dati sono sbagliati perché non in linea con le realtà aziendali.

“La prima cosa che spicca nel rapporto è la stima del raccolto, che indica che la fonte è Odepa. Per quanto ne sappiamo, Odepa non produce una previsione del raccolto, il raccolto a cui si riferisce è di 165.000 tonnellate, che potrebbero avere è stato tagliato di 10.000 tonnellate. La cifra con cui abbiamo a che fare è probabilmente di 10.000 tonnellate “, ha commentato Valderrama. Con lui sono 175.000 tonnellate.

Il presidente di ChileNut spiega che il rapporto indica che la superficie coltivata si sta deteriorando, il che è vero. Tuttavia, il documento conferma che il calo del numero di aziende censite negli ultimi anni è la ragione del calo dei rendimenti degli esportatori, che ha commentato; Quando le decisioni sono prese dai produttori, non dagli esportatori. La decisione per la quale sono state ridotte le aziende agricole è dovuta alla minore resa dei produttori, che è dovuta al fatto che c’è una flessione nel mercato generale delle noci. ”

In questo scenario, Valderrama ha affermato che l’offerta sta crescendo più velocemente della domanda, che sta crescendo, ma non così velocemente come l’offerta e i prezzi sono diminuiti drasticamente negli ultimi tre o quattro anni, con il risultato che i produttori non solo in Cile ma in tutto il mondo hanno abbassato il loro Coltivalo in modo molto violento. Ciò non ha nulla a che fare con un aumento dei costi di produzione, lavorazione o trasporto.

READ  Questi sono i vincitori della gara di Chispazo di venerdì 18 febbraio 2022

Per quanto riguarda l’aumento del raccolto 2022-2023 a cui si riferisce il rapporto, Valderrama ha spiegato che parlano sempre delle stagioni perché cercano di adattarle alle loro stagioni. Quando parlano di 2022-2023, si riferiscono al raccolto 2022 del Cile.

“Nonostante le difficili condizioni dell’acqua, è stato possibile fornire le condizioni per la crescita, la formazione dei frutti e la produttività. L’acqua era resistente ma i produttori erano molto ben gestiti, ma il motivo della crescita del raccolto non era dovuto al problema dell’acqua disponibilità”, ha commentato Valderrama.

Valderrama ha affermato che il consumo interno è sottovalutato in questo rapporto, “perché è circa la metà di quello che è in realtà, quindi non aggiunge nulla”.

Riguardo al fatto che le spedizioni sono state lente nella prima parte dell’anno a causa di problemi logistici nei mesi di marzo, aprile e maggio, Valderrama ha sottolineato che “ciò che non è vero”.

“Se parli con qualcuno del settore, non ci saranno problemi con la disponibilità di quanto sopra. Innanzitutto, il raccolto è stato di circa due settimane dopo, più lento rispetto agli anni precedenti, il che era evidente nelle spedizioni di maggio, ma principalmente la domanda anticipata, quest’anno non è stato molto perché le spedizioni sono in ritardo in California. Quindi l’analisi è sbagliata e non ci sono problemi logistici. Se parlo con qualsiasi fonte importante a marzo, aprile, Major, giugno, non avranno problemi”.