Dicembre 2, 2021

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il diplomatico venezuelano denuncia l’illegalità dell’estradizione negli Stati Uniti

Nella dichiarazione di oggi, il diplomatico venezuelano Alex Saab ha denunciato la natura illegale del suo arresto a Capo Verde e della sua successiva estradizione negli Stati Uniti, dove dovrà affrontare presunte accuse di riciclaggio di denaro.


Hanno descritto l’estradizione illegale di un diplomatico venezuelano negli Stati Uniti


Nella Dichiarazione di Principi letta dalla moglie Camila Fabri Saab durante un evento di solidarietà tenutosi a Caracas, l’Inviato Speciale per il Venezuela ha affermato che affronterà il suo processo con dignità, oltre a ritenere le autorità statunitensi responsabili della sua incolumità fisica.

Saab ha dichiarato di non aver commesso alcun reato ed ha escluso qualsiasi intenzione di collaborare con i suoi sequestratori in cambio di vantaggi procedurali; “Non mentirò per favorire gli Stati Uniti”, ha detto il funzionario.

Allo stesso modo, ha sottolineato le continue violazioni dei suoi diritti umani durante la sua detenzione di 491 giorni a Capo Verde, le cui autorità hanno violato i principi costituzionali del suo paese, che non ha un trattato di estradizione con il paese nordamericano.

Il governo venezuelano ha adottato Saab nel 2018 come inviato speciale, i cui compiti erano facilitare l’accesso alle forniture mediche, alimentari e ad altri beni, di fronte agli ostacoli imposti dal blocco statunitense.

A metà del 2020, il funzionario è stato arrestato a Capo Verde su richiesta di Washington, durante uno scalo tecnico dell’aereo che lo trasportava, ignorando l’inviolabilità dell’immunità corrispondente alla sua assunzione della carica di agente diplomatico.

Secondo le denunce dell’autorità esecutiva bolivariana, l’arresto è avvenuto in risposta alla campagna di assedio organizzata dalla precedente amministrazione statunitense contro il Venezuela, al fine di infliggere maggiori sofferenze alla popolazione e destabilizzare le loro istituzioni e il loro sistema interno.

A sua volta, Camila Fabri Saab ha condannato la decisione delle autorità capoverdiane di privarla del diritto di incontrare il marito e ha confermato che il processo di estradizione negli Stati Uniti si svolge alle spalle della famiglia della detenuta e dei suoi rappresentanti legali.

Per saperne di più

Il diplomatico venezuelano che è stato estradato negli Stati Uniti comparirà in tribunale

READ  Il presidente peruviano chiede il permesso di viaggiare in Bolivia - Prensa Latina