Dicembre 4, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il dollaro ha interrotto il suo rally a causa della moderazione della Fed. | mercati

In un anno di declino del reddito fisso e del reddito variabile, il dollaro è diventato l’asset rifugio insieme alle materie prime. L’aumento dei tassi d’interesse della Federal Reserve e l’aumento dei prezzi dell’energia hanno rafforzato la valuta statunitense rispetto ad altre valute, che hanno accumulato forti battute d’arresto nel corso dell’anno. però, Il recente entusiasmo mostrato dalla Federal Reserve Il fatto che si stia preparando a un rallentamento del tasso di aumento dei tassi di interesse alla prossima riunione – il mercato stima che aumenterà i tassi di interesse di 50 punti base – funge da correzione per il dollaro nei confronti delle valute del G10.

Questa tendenza si vede meglio al suo incrocio con EUR e GBP. Dai minimi ventennali registrati a settembre, la valuta comunitaria ha guadagnato l’8,5%, a 1,04 dollari. Dopo diverse settimane di bilanciamento della parità, l’euro punta a 1,05 dollari, livelli che non registrava dalla fine di luglio, quando Christine Lagarde conclude sei anni di tassi zero con il primo aumento dei tassi nell’eurozona in 11 anni. Nonostante questa ripresa, la moneta unica sta accumulando perdite dell’8,5% finora nel 2022.

Più notevole è il recupero della sterlina. Dalla fine di settembre, è rimbalzato del 13,5%, a 1,21$. La valuta britannica è riuscita a superare lo shock che ha attraversato per mesi. Una proposta di taglio delle tasse che è costata il posto al primo ministro Liz Truss ha accelerato la vendita di attività britanniche, portando la sterlina ai livelli più bassi nel 1985, mentre un rimbalzo dei rendimenti del debito ha spinto la Banca d’Inghilterra a lanciare un programma di acquisto di attività per calmare i nervi e ripristinare la stabilità.

READ  Analista di Morgan Stanley definisce i problemi di produzione di iPhone "esagerati" - EzAnime.net

Oltre alla politica monetaria, anche i fondamentali macroeconomici sono coinvolti nella ripresa dell’euro e della sterlina inglese. Uno degli indicatori più importanti nell’Eurozona è la fiducia delle imprese tedesche (IFO). Sebbene i numeri siano ancora bassi, le aspettative sono ben al di sopra dei minimi storici. Gli impianti di stoccaggio del gas e un autunno insolitamente caldo e quasi sovraccarico hanno permesso all’indice di segnare un secondo mese consecutivo di miglioramento, rimbalzando a 80 da 75,9 di ottobre.

Guardando ai prossimi mesi, Deutsche Bank Research ritiene che il dominio del dollaro stia per svanire. Gli esperti delle entità ritengono che il violento ciclo di rialzi negli USA sia già stato scontato e si attendono una stabilizzazione dell’euro. Mentre la Fed si prepara al rallentamento, l’alto tasso di inflazione nell’Eurozona complica il compito della Banca Centrale Europea, che sarà costretta a stringere ulteriormente.

Per quanto riguarda Deutsche Bank, gli analisti di Goldman Sachs notano che c’è ancora spazio per una continua forza del dollaro contro altre valute. Un messaggio simile a quello che mantengono in Ubs, dove scommettono su dollaro e franco svizzero – in calo del 3,2% rispetto al biglietto verde nell’anno – “perché considerati beni sicuri”.

La banca d’affari svizzera ritiene che tassi di interesse più elevati negli Stati Uniti e una crescita globale più lenta dovrebbero contribuire a un dollaro più forte nei prossimi mesi. Pertanto, secondo le sue stime, l’euro si attesterà a 0,98 dollari a metà del 2023 e la sterlina a 1,13 dollari. Entro la fine del prossimo anno, hanno messo la valuta britannica a $ 1,21. A medio termine, sì, da UBS, sono fiduciosi che il dollaro scenderà, perché capiscono che è il 30% più costoso rispetto a valute come il franco svizzero, l’euro, lo yen e la sterlina inglese.

READ  Cosa aspettarsi dalla riunione della Fed? | mercati

A Santander AM, ritengono, da parte loro, che se il dollaro continua ad apprezzarsi rispetto ad altre valute, ciò potrebbe causare una situazione di stress per gli emittenti che hanno emesso debito in questa valuta, il che aumenta la probabilità di crisi in alcuni paesi emergenti.

Sollievo per apparire

la caduta. Ad eccezione del peso messicano e del real brasiliano, che nelle ultime settimane hanno potuto beneficiare dei risultati delle elezioni, è diffusa la forza del dollaro nei confronti delle principali valute, che comprende paesi sviluppati come il Giappone o la Svizzera, oltre a quelli emergenti come cinesi e indiani. Oltre ai problemi fondamentali di ciascuna economia, gli investitori negli ultimi tre anni hanno dovuto fare i conti con la pandemia, la guerra in Ucraina e i timori di una recessione economica, che hanno portato gli investitori a cercare rifugio in asset sicuri. All’interno di questi, il dollaro ha un ruolo di primo piano. Sebbene i rischi rimangano elevati, Silvia D’Angelo, capo economista di Federated Hermes, osserva che la debolezza del dollaro è un sollievo per i paesi emergenti che già devono fare i conti con un debito più elevato a causa delle misure adottate dopo la pandemia. Sebbene gli ultimi minuti rivelino l’intenzione di aggiustare i rialzi dei tassi di interesse, l’esperto ritiene che la Fed potrebbe essere a disagio con un allentamento anticipato perché l’inflazione è ancora molto alta.