Settembre 30, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il dollaro sale a causa del calo di Wall Street; Annuncio della Banca centrale europea sotto i riflettori da parte di Reuters

© Reuters. Archivio Fotografico – Dollaro statunitense, franco svizzero, sterlina britannica e banconote in euro prese a Varsavia

Di Chuck Mikolajchak

NEW YORK (Reuters) – L’euro è salito mercoledì, invertendo i precedenti ribassi con il calo delle azioni statunitensi e rafforzando il suo fascino di rifugio sicuro, mentre l’euro si è rafforzato in vista dell’annuncio di politica monetaria della Banca centrale europea.

– La valuta statunitense ha registrato un nuovo massimo in due decenni contro lo yen, scendendo a 134,47 per dollaro, il livello più basso dal 27 febbraio 2002, e l’euro ha registrato il suo livello più alto contro lo yen dal 5 gennaio 2015.

* La Bank of Japan rimane una delle poche banche centrali a mantenere una posizione accomodante, mentre altre stanno scegliendo di aumentare i tassi di interesse per combattere l’inflazione.

* La Banca centrale europea dovrebbe assumere una posizione aggressiva giovedì e iniziare ad aumentare i tassi di interesse a luglio poiché i trader prevedono un aumento di 75 punti base a settembre.

“I rialzisti si aspettano un’impennata di 50 punti base (bps) e dovrebbero arrivare a 25”, ha affermato Edward Moya, capo analista di mercato di Oanda a New York. “Alla fine, il mercato guarderà davvero a come sarà esattamente il messaggio del presidente della BCE (Christine) Lagarde in quella conferenza stampa”.

Lo yen è sceso contro l’euro per 10 sessioni consecutive, la più lunga serie di sconfitte consecutive in otto mesi. Nella sessione, l’euro è salito dell’1,3% contro la coppia giapponese a 143,780 yen.

L’indice del dollaro è salito dello 0,10% a 102,520 e l’euro è salito dello 0,15% a 1,015 dollari.

* Dopo l’annuncio della Banca centrale europea giovedì, gli investitori verranno a conoscenza dell’inflazione negli Stati Uniti venerdì attraverso l’indice dei prezzi al consumo di maggio. L’inflazione su base annua dovrebbe aumentare dell’8,3%, invariata rispetto ad aprile.

READ  WAS tiene la sua prima conferenza sul cambiamento climatico

* In una sessione volatile, le azioni sono scese a Wall Street, con l’indice Standard & Poor’s in ribasso di oltre l’1% poiché il rendimento dei Treasury a 10 anni è salito sopra il 3%.

* È improbabile che i dati cambino l’attuale traiettoria di rialzo dei tassi della Fed. Secondo lo strumento FedWatch di CME, i trader hanno valutato l’intero rialzo dei tassi di almeno 50 punti base.

Le autorità monetarie giapponesi hanno mantenuto la loro posizione favorevole allo yen debole mercoledì, dicendo che era positivo per l’economia. Lo yen è sceso dell’1,17% a 134,17 per dollaro, mentre la sterlina britannica ha perso lo 0,37% a 1,2541 dollari.

Tassi di cambio nel mondo https://tmsnrt.rs/2RBWI5E

Grafici (in inglese): Euro vs Yen https://tmsnrt.rs/3Q7YcmV

La crescita del PIL dell’Eurozona accelera nonostante la guerra in Ucraina

Kochi ^ ^ ^ ^ ^ ^ ^ ^ ^ ^ ^ ^ ^ >

(A cura di Ricardo Figueroa e Carlos Serrano in spagnolo)