Giugno 27, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il film vincitore del Festival di Cannes presentava un produttore messicano

La Palma d’Oro a Cannes, “Triangle of Sadness” del regista svedese Ruben Ostlund, ha un tocco messicano grazie alla partecipazione del produttore Julio Chavezmontes, il cui lavoro e ammirazione reciproca risalgono a diversi anni con Ostlund.

Chavismontes, che ha lavorato come co-produttore per il film, ha detto in un’intervista telefonica con The Associated Press dalla Francia, dove si stava riprendendo da una recente infezione da COVID-19.

Il produttore potrebbe essere alla premiere del film, ma non al gala di premiazione a Cannes. “Triangle of Sadness” ha visto anche importanti cambiamenti nella produzione a causa della pandemia, comprese interruzioni delle riprese e un cambio di location.

“Prima della pandemia, gran parte del Messico doveva essere girata”, ha detto Chavismontes.

Alla fine è stato girato a Evoia, in Grecia e in Svezia, con attori provenienti da paesi diversi come Filippine, Sud Africa, Francia, Gran Bretagna, Germania, Svezia e Danimarca. Le coste del Mediterraneo sono servite a raccontare questa storia dell’affondamento di una nave da crociera oscenamente ricca, i cui sopravvissuti, tra cui una coppia famosa, sono rimasti intrappolati su un’isola.

“Si inizia con due modelli in fasi molto diverse della loro carriera: la sua carriera, ad esempio, è giunta al termine, mentre la sua è appena iniziata e lei è a questo punto di enorme successo”, ha detto il produttore.

Il film è descritto come una satira sociale in cui Woody Harrelson interpreta un marxista e capitano di una nave da crociera. Il sudafricano Charby Dean e il britannico Harris Dickinson sono altri membri del cast.

Alla premiere del film a Cannes, il film è stato accolto con applausi e, soprattutto, molte risate.

READ  J Balvin, Maria Becerra e John Legend si esibiranno ai Grammy

“È una commedia fantastica, fantastica. È un film molto divertente da guardare al cinema. È molto divertente soprattutto, perché è la cosa che ti fa pensare e che ti mette anche a disagio. È un film che non ha paura di metterti a disagio”, ha detto Chavismontes. e per sfidarti come spettatore. “È una critica feroce a un sistema, ma è anche un modo per socializzare e un modo per valutare le persone”.

Chavismontes ha affermato di essere un fan del lavoro di Ostlund da diversi anni, tanto da considerarlo influente in “Shared Time”, il film che ha scritto con il suo partner produttore e distributore messicano PIANO, Sebastian Hoffmann. Il film ha gareggiato al Sundance nel 2018 quando Ostlund era presidente della giuria e ha assegnato loro il premio per la migliore sceneggiatura.

Dal canto suo, PIANO è stato il distributore in Messico “The Square” (“The Square. La farsa del arte”) di Ostlund, ed è stato insignito della Palma d’Oro nel 2017, e dopo queste esperienze ha avuto modo di collaborare alla “Triangolo del dolore”.

Sul suo ruolo di co-produttore, Chavismontese ha affermato che Ostlund è completamente aperto durante la pre-produzione, ma subentra quando accende la telecamera.

“Robin è una persona molto chiara su ciò che vuole fare e penso che sia una persona con uno stile molto deciso. Ha detto che parla molto di film durante lo sviluppo, ma al momento delle riprese era tutto molto chiaro.

Ora Chavemontes continua il suo lavoro come produttore cinematografico latinoamericano. Quest’anno ha prodotto il documentario ‘Pobo ‘Tzu’ – Noche blanca’, il primo lungometraggio di Yollótl Alvarado e Tania Ximena Ruiz; Così come il documentario “Malintzin 17” di Mara ed Eugenio Bolgovsky e “EAMI” del regista paraguaiano Paz Encina, ultimo vincitore del Tiger Prize al Rotterdam Film Festival.

READ  Chi è il protagonista di Thor nell'episodio 1x07 di What If della Marvel?

“Siamo anche co-produttori del prossimo progetto Lucrecia Martel”, ha detto, senza rivelare ulteriori dettagli su questo film del veterano regista argentino.

Chavezmontes ha proiettato diversi film in cui ha collaborato al Morelia International Film Festival, tra cui “Have la carne” di Emiliano Rocha Minter. Al momento non ha confermato se proietterà qualcuno dei suoi film alla 20a edizione del festival che si terrà ad ottobre.

“I 20 anni del festival mi hanno dato molta passione”, ha detto il produttore. “Per me è un festival particolarmente importante perché è il primo festival a presentare un mio film e Morelia ha dimostrato di essere una piattaforma essenziale per far conoscere il cinema messicano al mondo… tutto ciò che ci accade adesso, per molto tempo, non sarebbe stato possibile senza la fiducia iniziale di Morelia”.