Settembre 17, 2021

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il gigante della carne JBS ha realizzato profitti maggiori rispetto ai profitti del 2020 nel primo semestre di EFE

© Reuters. Il gigante della carne JBS ha realizzato profitti maggiori rispetto al 2020 nella prima metà

Rio de Janeiro, 11 agosto (EFE). – La multinazionale brasiliana JBS, la seconda più grande azienda alimentare al mondo, ha riferito mercoledì che nella prima metà del 2021 ha ricevuto un utile netto di 6.428 milioni di reais ($ 1.259,6 milioni). Un valore più alto di tutti i guadagni dello scorso anno.

Il colosso brasiliano, uno dei maggiori produttori ed esportatori di carne al mondo, ha realizzato un utile di 4.598 milioni di reais (901,6 milioni di dollari) nel 2020, il 24,4% in meno rispetto al record del 2019, colpito dalle perdite dovute alla pandemia di coronavirus-19.

I profitti per i primi sei mesi del 2021 hanno permesso a JBS di invertire i suoi 2.553,8 milioni di riyal (500,7 milioni di dollari) di perdite subite nella prima metà dello scorso anno, quando ha avvertito il maggiore impatto della pandemia.

Secondo il bilancio finanziario pubblicato mercoledì, la multinazionale ha ottenuto nel secondo trimestre di quest’anno un utile netto record di 4382,5 milioni di riyal (859,3 milioni di dollari), con un aumento del 29,7% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso.

Questo è il profitto più alto della società per lo stesso trimestre in tutta la sua storia.

L’utile del secondo trimestre è stato superiore del 114,2% rispetto ai primi tre mesi dell’anno.

La multinazionale brasiliana dispone di circa 400 unità di lavorazione di carne bovina, suina, ovina e avicola in 15 paesi, tra cui Brasile, Stati Uniti, Canada, Regno Unito, Australia e Cina.

READ  Il prezzo dell'elettricità scenderà oggi anche se continua a salire nel calore dell'ondata di caldo

I suoi marchi includono Swift, Friboi, Seara, Maturatta, Cabaña Las Lilas, Pilgrim’s Pride, Gold Kist Farms, Pierce, 1855, Moy Park e Big Frango, tra gli altri.

Nel secondo trimestre, la società ha registrato un utile totale di 85626,9 milioni di riyal dell’Oman (16.789,6 milioni di dollari), una crescita del 26,7% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno e del 13,8% per i primi tre mesi del 2021.

L’Ebitda rettificato (risultato operativo) nel secondo trimestre è stato pari a 11706,2 milioni di riyal ($ 2295,3 milioni), in aumento del 10,3% rispetto al periodo aprile-giugno dello scorso anno e del 70,2% in più rispetto a gennaio e marzo di quest’anno.

La società ha dichiarato in un comunicato al mercato che il buon risultato fino al 30 giugno le consentirà di prevedere la distribuzione di dividendi ai propri azionisti entro il 24 agosto per 2510,9 milioni di riyal (492,3 milioni di dollari), praticamente quello reale per ogni azione.

Il global head di JBS, Gilberto Tomazoni, ha evidenziato in una lettera agli azionisti che il risultato del secondo trimestre di quest’anno è stato superiore ai risultati dello stesso periodo del 2020, “che era già storico”.

Questo risultato è stato determinato principalmente dalle buone condizioni di mercato in Nord America, ha affermato il dirigente, che “ha dato impulso al commercio di vacche”.

“La nostra strategia a lungo termine può essere vista nei nostri investimenti per diversificare geograficamente il portafoglio. Abbiamo privilegiato l’investimento in prodotti a più alto valore aggiunto, come l’accelerazione dell’espansione del marchio Seara in Brasile e il nuovo stabilimento italiano specializzato negli Stati Uniti .”

READ  Amazon aprirà due negozi Whole Foods senza cassiere nel 2022 | La voce dell'America

Ha anche citato investimenti che dimostrano questa strategia nell’acquisizione di Kerry Consumer Food nel Regno Unito e Rivalea in Australia, nonché nella diversificazione delle proteine, come “vegetarian farmed and aquaculture”, con l’acquisto di Vivera in Europa, Plantera in negli Stati Uniti e l’On in Australia.

La società ha dichiarato che, nonostante questi elevati investimenti, il debito totale della società è aumentato solo dello 0,7%, da $ 1.4096.6 milioni a giugno 2020 a $ 14.200,3 milioni a giugno di quest’anno.