Novembre 27, 2021

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il governo argentino ha evitato di condannare la farsa elettorale in Nicaragua

Il dittatore del Nicaragua Daniel Ortega è stato rieletto con il 75% dei voti alle elezioni respinte dalla comunità internazionale per mancanza di garanzie (Reuters)

Governo Alberto Fernandez, attraverso il ministro degli Affari Esteri, evitare di condannare la farsa elettorale in Nicaragua Dov’era il dittatore domenica scorsa Daniel Ortega È stato imposto con il 75% dei voti. In una breve dichiarazione, il Dipartimento di Stato ha affermato di mantenere la sua “tradizione diplomatica di non interferenza negli affari interni”.

“A poche ore dalla fine delle elezioni, manteniamo la nostra tradizione diplomatica di non ingerenza nelle questioni interne di altri Paesi”, definisce nel suo comma centrale il comunicato del Ministero degli affari esteri presieduto da Santiago Cafiero.

La Repubblica Argentina sottoscrive il suo storico impegno per la difesa dei diritti umani e sostiene con forza l’operato dell’Alto Commissario delle Nazioni Unite, Michelle Bachelete sulla situazione in Nicaragua.

Nonostante non condanni le controverse elezioni, il governo argentino lo ha ripetuto “Preoccupato per l’arresto dei leader dell’opposizione” e “La necessità che il governo del Nicaragua garantisca il rispetto dei diritti umani di tutta la popolazione”.

“In Argentina comprendiamo che democrazia significa rispetto per la diversità ideologica e partecipazione civica illimitata. Dobbiamo accompagnare il popolo del Nicaragua affinché possa ripristinare il dialogo e la convivenza democratica il più rapidamente possibile”, ha concluso la dichiarazione del ministero degli Esteri.

Il ministro degli Esteri Santiago Cafiero con il presidente Alberto Fernandez
Il ministro degli Esteri Santiago Cafiero con il presidente Alberto Fernandez

Il presidente sandinista ha ricevuto il 74,99% dei voti con il 49,25% dei sondaggi scrutinati, assicurandosi la terza rielezione consecutiva e la seconda con la moglie Rosario Murillo come vicepresidente, secondo i dati del Consiglio supremo delle elezioni (Cse). Sistema sandinista.

READ  Salute, COVID-19, Istruzione e agricoltura, le priorità del Perù per il 2022

La posizione espressa lunedì dal governo argentino in merito alle elezioni in Nicaragua contrasta con la posizione adottata mesi fa quando si sono svolte le elezioni in Perù. Il 10 giugno, quando è stato esaminato il 99,1% dei sondaggi Pedro Castillo e Keiko Fujimori La presidenza ha votato con un margine ristretto di 71mila voti (dal 50,2% al 49,8%), Alberto Fernandez si è congratulato con il candidato di sinistra come presidente eletto. Senza una conferma formale della vittoria della giustizia peruviana, il presidente argentino ha chiamato Castillo per iniziare a lavorare insieme: “Ho espresso il mio desiderio che uniamo le forze a beneficio dell’America Latina. Siamo due nazioni ferventemente gemelle”. In quell’occasione non prevalse la “tradizione diplomatica di non ingerenza negli affari interni”. Questa nuova battuta d’arresto internazionale ha portato il governo peruviano a inviare in Argentina nota di protestaIl presidente Alberto Fernandez, rilevando che i risultati finali delle elezioni generali del 2021 non sono ancora stati resi noti dalle autorità elettorali del nostro Paese.

Il tweet di Alberto Fernandez si congratula con Pedro Castillo prima della conferma ufficiale
Il tweet di Alberto Fernandez si congratula con Pedro Castillo prima della conferma ufficiale

A differenza dell’Argentina, La comunità internazionale ha ignorato i risultati delle elezioni nicaraguensi Ortega, ex combattente sandinista, resterà al potere per altri cinque anni. Germania, Colombia, Costa Rica, Cile, Spagna, Stati Uniti, Panama, Regno Unito, Unione Europea (UE), Perù, Ecuador e Uruguay Sono stati i primi a ignorare le elezioni per la mancanza di garanzie e per l’inefficienza dovuta all’arresto di sette ambiziosi candidati presidenziali da parte dell’opposizione prima del voto.

“Mira a perpetuare Daniel Ortega sotto un regime dittatoriale”, ha chiesto il governo cileno. “Le elezioni non sono state libere, eque e trasparenti”, ha aggiunto l’amministrazione di Pedro Castillo. L’Ue ha rimarcato contro Ortega: “Ha privato le persone della libera scelta”.

READ  La storia di David Jewett, lo yankee che ha combattuto contro gli inglesi per le isole Malvinas e ha alzato la bandiera argentina

per questa parte, stato unito Lunedì ha minacciato di imporre nuove sanzioni al Nicaragua. Attraverso una dichiarazione firmata dal Segretario di Stato americano Anthony Blink, la Casa Bianca ha osservato che l’ex guerriglia sandinista “ha privato i nicaraguensi della possibilità di opzioni reali, sciogliendo tutti i veri partiti di opposizione e imprigionando tutti i principali candidati presidenziali. Questi atti di repressione e manipolazione elettorale, condannati dai nicaraguensi e dalla comunità internazionale, privare le elezioni del 7 novembre.” / nov di qualsiasi significato reale.”

Gli Stati Uniti si uniscono alle altre democrazie della regione e del mondo nel condannare questo sovvertimento delle norme democratiche. Accompagniamo il popolo del Nicaragua e sosteniamo coloro che cercano di ripristinare la democrazia”.Gli Stati Uniti hanno aggiunto, spiegando che continueranno a “usare la diplomazia, azioni coordinate con i nostri alleati e partner regionali, sanzioni e restrizioni sui visti” in modo che “Complici nel sostenere le azioni antidemocratiche del governo di Ortega Murillo sono ritenuti responsabili”.

D’altra parte, i governi hanno sostenuto Russia, Bolivia, Cuba e Venezuela. In varie dichiarazioni, hanno sostenuto Ortega e applaudito per l’elezione di domenica, nonostante l’arresto dei candidati alla presidenza. Il governo della Repubblica Araba d’Egitto ha dichiarato: “Hanno rispettato le leggi locali”. Il presidente russo Vladimir Putin. Allo stesso modo, il dittatore venezuelano Nicolas Maduro Ha definito “vigliacchi” i governi che hanno denunciato i brogli elettorali nel Paese centroamericano.

“Codardi! Alla fine, quelli che vincono sono i coraggiosi, quelli che combattono, quelli che combattono, quelli che si battono per la dignità e la verità. I codardi sono stati dimenticati nel tempo e per strada, e in Nicaragua regna solo la grande rivoluzione sandinista”.

Continuare a leggere: