Settembre 25, 2021

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il governo venezuelano e l’opposizione riprendono il dialogo in Messico

Il governo venezuelano e l’opposizione riprendono il dialogo in Messico

2021-09-04 11:21:37 / fai la radio


Foto: Escambray

Il governo e l’opposizione venezuelani hanno ripreso ieri in Messico un nuovo ciclo di negoziati, il cui obiettivo più prossimo è fissare un calendario per le elezioni regionali di novembre. Per il governo, la questione della revoca delle sanzioni internazionali è una priorità. Le due delegazioni si sono incontrate dalle 15:00 ora locale (22:00 CET), secondo fonti vicine a questo tavolo di dialogo, che durerà fino a lunedì 6, facilitato dalla Norvegia e con il sostegno del Messico. Dopo essere arrivata all’aeroporto di Città del Messico, la delegazione ufficiale guidata da Jorge Rodriguez, presidente dell’Assemblea nazionale, ha annunciato di aver iniziato “con grandi aspettative” questa fase dei negoziati. “Abbiamo ricevuto istruzioni dal presidente Nicolas Maduro per confermare nelle prime ore dei colloqui il ritorno delle garanzie economiche che sono state rubate a tutto il popolo venezuelano”, ha detto Rodriguez a Venezuela de Television (VTV).

L’India ha annunciato che aiuterà la Russia a trasformare l’Artico in una rotta commerciale globale

Il primo ministro indiano Narendra Modi ha anche osservato che Mosca e Nuova Delhi hanno compiuto progressi significativi nello sviluppo delle relazioni commerciali nonostante la pandemia di coronavirus. Secondo RT, New Delhi intende aiutare a sviluppare la rotta russa del Mare del Nord e trasformarla in un’arteria commerciale internazionale, come annunciato dal primo ministro indiano Narendra Modi. Parlando tramite collegamento video, Modi ha detto a una sessione plenaria dell’Eastern Economic Forum, che si è tenuta nella città russa di Vladivostok.

La Corte Suprema di El Salvador approva la rielezione consecutiva del presidente

La Camera Costituzionale della Corte Suprema di Giustizia di El Salvador ha emesso una sentenza che consente al presidente in carica di impugnare la sua immediata rielezione, per la quale Neb Pokél può scegliere un secondo mandato nel 2024. Nella sentenza, i giudici di pace hanno ordinato al Supremo Corte delle elezioni per consentire “a una persona che esercita la presidenza della repubblica” Non era presidente nel periodo immediatamente precedente la sua seconda partecipazione al concorso elettorale. In altre parole, se Bukele avesse ricoperto la presidenza nel periodo 2014-2019, non potrebbe essere rieletto per il quinquennio 2024-2029. I giudici, che sono stati nominati il ​​1° maggio dopo che il Congresso ha licenziato i giudici costituzionali in un processo ampiamente criticato, hanno annullato una sentenza del 2014 che vietava la rielezione del presidente nei successivi 10 anni dopo aver lasciato l’incarico. La costituzione salvadoregna indica che un candidato alla presidenza non può essere un candidato che ha ricoperto la carica “per più di sei mesi, consecutivi o meno, nel periodo immediatamente precedente”. DW ha confermato che i giudici hanno considerato l’interpretazione del 2014 “sbagliata” e hanno osservato che la costituzione, a loro avviso, consente a un cittadino di essere presidente per un periodo massimo di 10 anni. “È lo stesso articolo 1 152 Ordinario che consente ad un massimo di una persona di esercitare la presidenza per un periodo di 10 anni, e infatti l’Assemblea Costituente del 1983 richiede l’esercizio di questi 10 anni, se il popolo così decide, rispettivamente ,” si legge. “Illegale è rafforzare la continuità del presidente o la sua rielezione dopo 10 anni, cioè dopo due mandati”, aggiunge. I giudici rilevano anche le qualifiche per la rielezione immediata e osservano che “un presidente che si è candidato alla presidenza per un secondo mandato deve richiedere una licenza entro i sei mesi precedenti” all’inizio del mandato successivo. Cioè, se Bukele si registra per candidarsi alla presidenza nel 2024, deve richiedere una licenza nel dicembre 2023 per rispettare il “divieto di abuso d’ufficio per svolgere propaganda elettorale”.

READ  Cuba e Vietnam riconoscono le loro eccellenti relazioni bilaterali

Papa Francesco si rammarica che la pandemia abbia causato isolamento sociale e “ipertensione”

Papa Francesco oggi ha lamentato che la pandemia ha lasciato le conseguenze dell’isolamento e dell'”ipertensione” sociale, pur dicendo che potrebbe essere un’opportunità per le società di costruire un mondo migliore. Tuttavia, in un incontro con i leader per motivi analoghi, il pontefice ha affermato che di fronte a molteplici crisi politiche e ambientali come la fame, la crisi climatica e le armi nucleari, un impegno sociale e politico per la pace “non è mai stato né necessario né più urgente». “Situazioni di crisi ambientale, purtroppo esacerbate dalla pandemia, possono e devono provocare un’assunzione di responsabilità più determinata, prima, da parte dei vertici, poi a livelli medi e in tutta la società. Cittadinanza, ha sostenuto. Oltre a Francisco ha sottolineato che “È importante promuovere una cultura del volto che metta al centro la dignità della persona e il rispetto della sua storia, soprattutto se dolorosa ed emarginata”, nonché “una cultura dell’incontro in cui ascoltiamo e accogliamo i nostri fratelli”.

Quasi il 40% delle specie di squali è a rischio di estinzione

Il 37% di tutte le specie di squali e razze è minacciato di estinzione, ha dichiarato questo sabato (09.04.2021) l’Unione internazionale per la conservazione della natura (IUCN), che ha anche avvertito del pericolo che si nasconde nella lucertola più grande del mondo, il Komodo. Drago. La Lista Rossa dell’Unione Internazionale per la Conservazione della Natura, che dal 1964 elenca la salute della biodiversità del pianeta, funge da allerta per i governi responsabili della ricchezza ambientale e da guida per le ONG che la sostengono. Il drago di Komodo è la lucertola più grande del mondo e può raggiungere i 3 metri di lunghezza e pesare fino a 90 chilogrammi. Ma solo circa 1.400 individui sopravvivono al largo delle coste dell’Indonesia. Nel caso degli squali, le specie conosciute sono più di 440 e gran parte di esse sono già in condizioni critiche. Alcuni esemplari della specie hanno cessato di essere scoperti anni fa. Un’altra specie della Lista Rossa, il tonno, offre migliori prospettive, e delle sette più pescate, quattro hanno aumentato lo stock. Il tonno rosso è passato direttamente da “in pericolo” a “meno preoccupante”, un miglioramento di tre categorie. “Queste valutazioni sono la prova che la pesca perpetua ha enormi benefici a lungo termine”, ha affermato Bruce Collette, presidente dell’IUCN Tuna Group. La Lista Rossa IUCN ha anche aggiornato il numero di specie vegetali e animali. Delle 138.374 specie classificate sul pianeta, 38.543 sono minacciate, ovvero il 28%.

READ  L'Iran ha abbandonato le pressioni politiche ed economiche degli Stati Uniti - Prinsa Latina

La Nuova Zelanda riporta la prima morte per COVID-19 in sei mesi

Il Dipartimento della Salute, che ha cercato di arginare l’epidemia da metà agosto, ha affermato che la Nuova Zelanda ha registrato oggi la sua prima morte per COVID-19 in più di sei mesi. Il primo ministro Jacinda Ardern ha pianto la perdita di una donna di 90 anni con complicazioni di salute che non è stata in grado di ottenere un ventilatore o una terapia intensiva, sottolineando che questa prima morte dal 16 febbraio è un “triste promemoria” dell’importanza di queste misure. . contenimento. Il 17 agosto, il governo della Nuova Zelanda ha imposto restrizioni alla popolazione del paese di oltre 5 milioni dopo che è stato scoperto un caso di trasmissione comunitaria nella città di Auckland. Le misure sono state allentate due settimane dopo, ad eccezione di Auckland, che rimane confinata nell’epicentro dell’attuale epidemia. Questo sabato sono stati scoperti 20 nuovi contagi, un numero che conferma la tendenza al ribasso degli ultimi giorni. La Nuova Zelanda, uno dei paesi sviluppati con un tasso di vaccinazione più lento, è stata riconosciuta in tutto il mondo per la sua efficace gestione dell’epidemia, caratterizzata dalla chiusura dei suoi confini e dall’effettuazione di identificazioni complete e precoci. Dall’inizio della pandemia, il Paese periferico ha registrato 3.392 casi e 27 decessi per COVID-19.