Dicembre 5, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il grande segreto di Vermeer: ​​la National Gallery conferma che uno dei suoi dipinti non è del pittore | cultura | Dott..

Finora Johannes Vermeer era considerato un artista solista. Conferma che la National Gallery of Art di Washington ha smentito venerdì scorso (2022.707) rivelando che la “Ragazza con il flauto” attribuita al pittore olandese, in realtà è stata realizzata da qualcun altro del suo ambiente.

La mancanza di documenti che indicassero l’esistenza di registri di officina e corporazione sui suoi discepoli portò a questa prima conclusione. Il suo lavoro in miniatura, composto solo da circa 35 dipinti riconosciuti, ha contribuito al fatto che sembrava improbabile che avesse studenti o assistenti.

Decenni di studi hanno portato gli esperti di musei americani ad affermare che “La ragazza con il flauto” è stata creata da qualcuno vicino a Vermeer (1632-1675): qualcuno che ha capito il suo processo creativo, ma non è riuscito a padroneggiarlo.

Studente o tirocinante?

Non si sa chi sia il vero autore. Forse era uno studente o un apprendista, un facoltoso dilettante che lo pagava per le lezioni, o anche un parente dell’artista, noto anche per opere come “La ragazza con l’orecchino di perla” (1665-1667).

“La ragazza con un flauto” (1669) è uno dei quattro dipinti di o attribuiti a Vermeer conservati dalla National Gallery of Art, insieme a “Donna con un equilibrio” (1664), “Una signora che scrive” (1665). e “La ragazza con il cappello rosso” (1666/1667).

Negli ultimi tre decenni, gli storici dell’arte hanno messo in dubbio l’autenticità di due dipinti di Vermeer nella collezione della National Gallery of Art di Washington. Nella foto, “La ragazza con il cappello rosso” di Vermeer.

Quattro gioielli sono tra le principali attrazioni del museo, il che ha reso difficile rimuoverli temporaneamente dalla collezione per un’analisi dettagliata. La pandemia ha fornito un’opportunità ideale per analizzare questi dipinti con la tecnologia più recente e elaborare i risultati ora rivelati nella mostra “I segreti di Vermeer”, aperta fino all’8 gennaio.

READ  Questa è la bellissima collana che Jennifer Lopez rende onore a Ben Affleck

“Errori che Vermeer non ha commesso”

Sebbene “La ragazza con il flauto” sia stato finora attribuito a Vermeer, ci sono importanti dettagli qualitativi che mettono in dubbio la sua paternità.

Le crepe nello strato superiore della vernice riflettevano che si era asciugata prima dello strato precedente, provocando la formazione di tali crepe e dimostrando che il pittore in questione non aveva alcun controllo sulla reazione dei materiali. Anche il bianco utilizzato viene essiccato fino a ottenere una consistenza grossolana, il che indica anche che contiene molto olio.

Alcune tracce di setole del pennello mostrano anche che questo autore anonimo eseguiva pennellate ruvide o non controllava bene i suoi strumenti.

“Questi sono errori che un pittore esperto come Vermeer non avrebbe commesso”, ha confermato Marjorie Wiseman, curatrice e responsabile della pittura del Nord Europa, in una conferenza stampa venerdì.

Nuova luce sulla carriera dell’artista

La transizione più netta tra i colori, in contrasto con la sottigliezza di “Girl with a Red Hat”, che è più vicino al confronto, ha anche confermato il sospetto, mentre l’uso di pigmenti verdi nei toni della carne, tipico degli olandesi, conferma una stretta conoscenza del suo lavoro.

I ricercatori ritengono che la ragazza con il flauto non potesse essere dipinta da Vermeer perché le mancava la sua precisione e applicazione della vernice.

I ricercatori ritengono che la “Ragazza con il flauto” non potesse essere dipinta da Vermeer perché mancava della sua precisione e applicazione della vernice.

“L’idea di avere qualcuno che impari da lui e dalla sua parte in studio ci offre una visione molto più ampia di lui come artista”, ha detto Wiseman a EFE, la cui scoperta del suo museo apre nuove possibilità di studio per la sua carriera. per l’artista.

READ  L'essenza di "Cha Cha Real Smooth" è la connessione tra madre e figlia

Teorie precedenti avevano suggerito che Vermeer potesse aver iniziato a dipingere La ragazza con il flauto e che qualcun altro lo avesse finito, ma i difetti scoperti negli strati iniziali confermano in modo definitivo agli esperti che non era direttamente coinvolto in nessuna parte del processo.

La National Gallery of Art ha già cambiato il poster che espone. Attribuito a Vermeer per il lavoro dello studio di Vermeer.

“Continuare a interrogarci su questo argomento rende tutto ancora più emozionante”, dice la curatrice, la quale spiega che il modello in sé non è stato identificato ma che lo scopo del dipinto non era quello di mettere a fuoco la donna, ma di usarla come figura attraverso la quale studiare colore e composizione.

POCHI (EFE, Il New York Times, Artnet News)