Ottobre 5, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il Gruppo Puebla tiene il suo primo incontro faccia a faccia dopo la pandemia

Questo contenuto è stato pubblicato il 28 novembre 2021 – 16:36

Città del Messico, 28 novembre (EFE). – Il Gruppo Puebla, che riunisce politici progressisti della Spagna e dell’America Latina, inizierà lunedì a Città del Messico il suo settimo incontro dei leader, il primo di persona dal 2019 (Buenos Aires, Argentina) dopo diversi incontri virtuali dovuti al Covid- 19 epidemia.

L’organizzazione ha indicato che l’incontro discuterà i bisogni urgenti dell’America Latina e dei Caraibi, dell’Europa e del mondo.

Il forum, istituito nel 2019 nella città messicana di Puebla, è composto da importanti politici di sinistra come il presidente dell’Argentina, Alberto Fernandez, e il presidente della Bolivia, Luis Arce. O gli ex presidenti del Brasile, Luis Inacio Lula da Silva, l’uruguaiano Jose Mujica, e il governo spagnolo, Jose Luis Rodriguez Zapatero.

Il Messico sarà rappresentato dal ministro degli Esteri Marcelo Ebrard, che ha già confermato la sua partecipazione.

Sono attesi all’incontro, che si terrà in Messico da lunedì 29 novembre a mercoledì 1 dicembre, più di 150 leader progressisti tra cui presidenti, ex presidenti, ex ministri degli esteri, parlamentari, giuristi, accademici e osservatori.

Il Gruppo di Puebla aveva indicato in precedenza che il vertice si sarebbe tenuto “nei prossimi giorni per le elezioni dell’Honduras e il secondo turno presidenziale del Cile”.

Ha anche affermato che ci sarà un dialogo su “un’agenda progressista che esamini la necessità di un modello di sviluppo solidale”, così come il “consolidamento” delle democrazie nella regione e “l’autodeterminazione dei popoli”.

In questi due anni, il Forum si è pronunciato su vari eventi come l’arresto dell’ex presidente brasiliano Lula da Silva con l’accusa di corruzione e la richiesta del suo rilascio; Le dimissioni di Evo Morales dalla presidenza della Bolivia nel 2019, che hanno descritto come un colpo di stato, e la “persecuzione giudiziaria” dello scorso anno dell’ex presidente Rafael Correa, in Ecuador.

READ  Concluirá en Costa Rica per la regione sobre medio ambiente

Inoltre, ha criticato i protocolli di polizia nelle proteste sociali in Colombia o in Cile e ha giudicato l’embargo economico unilaterale imposto dagli Stati Uniti a Cuba.

Il gruppo di Puebla ha anche celebrato nuovi “soffia di vento progressista” nella regione, come l’elezione dei nuovi governi di sinistra di Argentina, Bolivia e Perù o l’Assemblea costituente cilena, la prima assemblea congiunta progressista e progressista.

L’incontro, guidato dal fondatore del gruppo, il cileno Marco Enriquez-Ominami, sarà tenuto congiuntamente dal Gruppo parlamentare iberoamericano e dal Consiglio latinoamericano per la giustizia e la democrazia. EFE

jmrg / any

© EFE 2021. La ridistribuzione e la ridistribuzione di tutto o parte dei contenuti dei Servizi EFE, senza il previo ed espresso consenso di EFE SA, è espressamente vietata.