Settembre 17, 2021

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il Guatemala apre una mostra cinematografica sull’identità centroamericana

Questo contenuto è stato pubblicato il 15 settembre 2021 – 00:34

Città del Guatemala, 14 settembre (EFE). Un gruppo di registi ha inaugurato questo martedì l’Esposizione cinematografica centroamericana sull’identità della nazione e della regione in occasione del bicentenario dell’indipendenza della Corona spagnola.

Con cinque lungometraggi e cinque cortometraggi nello stesso numero di giorni, la galleria cerca di aiutare a comprendere le complesse realtà politiche, storiche, dei diritti umani, razziali e artistiche di Guatemala, El Salvador, Honduras, Nicaragua e Costa Rica attraverso il obiettivo di cinque diversi registi e creatori.

Il festival, creato dal Collettivo Imaginary, è stato sostenuto dall’Agenzia di Cooperazione Spagnola, dal Centro Culturale Spagnolo, dall’Università Da Vinci (privata), dalla Casa Comal Film School e dal Ministero della Cultura e dello Sport del Guatemala.

“Questo è un impegno al dialogo, a confrontarci come comunità nello specchio delle nostre storie, dove vediamo noi stessi e come ci costruiamo come gruppi sociali”, ha affermato il comitato organizzatore.

Il programma è iniziato con il film documentario La Asfixia, della regista guatemalteca Ana Bustamante, uscito nel 2018, che racconta la scomparsa nel 1982 del padre del regista, Emile Bustamante, nel mezzo di un conflitto armato (1960-1996) in Centro America nazione.

Il mercoledì la mostra presenterà anche la Battaglia del vulcano (2018), del salvadoregno Julio Lopez Fernandez, che in questo documentario racconta passo dopo passo la battaglia finale della guerra civile salvadoregna (1979-1992), narrata dalla guerriglia ed eroi militari.

Di giorno, chi ha detto paura? (2010), dell’Honduras Katja Lara, in un colpo di stato del 2009 contro l’ex presidente Manuel Zelaya.

READ  I leader mondiali chiedono un'accelerazione della vaccinazione contro il Covid-19 in Africa

Inoltre, venerdì verrà mostrato il documentario nicaraguense Antolojología de Carl Rigby (2019) diretto dalla nicaraguense Maria José Alvarez e dal guatemalteco Eduardo Spiegler, morto in quel paese in un’epidemia sociale nell’aprile 2018 contro il regime di Daniel Ortega e Rosario. . Essere disponibile.

Il lungometraggio presenta il lavoro di Carl Rigby, un poeta orale dei Caraibi nicaraguensi.

Cinema e identità culmina sabato con il film costaricano El Mito Blanco (2020), sugli indigeni nascosti del Costa Rica e rappresentato dal regista nicaraguense Gabriel Serra Arguelo.

La mostra ha presentato le opere gratuitamente e virtuali per ciascuno dei giorni assegnati a ciascuna produzione, nonché i forum trasmessi su Internet. EFE

ECS / fp

© EFE 2021. È espressamente vietata la ridistribuzione e la ridistribuzione di tutto o parte dei contenuti dei Servizi Efe, senza il previo ed espresso consenso di EFE SA.