Ottobre 2, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il James Webb Telescope è già stato dispiegato nello spazio per studiare la storia dell’universo

Webb, il telescopio spaziale più potente di sempre e successore di Hubble, è decollato su un razzo Ariane 5 dalla Guyana francese il 25 dicembre. afp_ticker

Questo contenuto è stato pubblicato il 08 gen 2022 – 17:44

(AFP)

Il potente telescopio spaziale James Webb ha completato con successo la fase finale del suo dispiegamento questo sabato, rivelando il suo ultimo grande specchio e preparandosi a iniziare a studiare ogni fase della storia dell’universo.

La NASA ha annunciato che le sue prime ali sarebbero state schierate venerdì e la seconda sabato mattina.

I team di ingegneri dello Space Telescope Science Institute di Baltimora, nel Maryland, hanno festeggiato quando la NASA ha annunciato su Twitter che l’ultima ala era pronta.

“L’ultima ala è ora schierata”, ha scritto la NASA su Twitter, indicando che è ancora in attesa di finire di fissarla in posizione.

“Sono davvero entusiasta di questo, è una grande pietra miliare”, ha affermato Thomas Zurbuchen, un ingegnere della NASA durante una trasmissione video in diretta.

Poiché il telescopio era troppo grande per entrare nel cono del razzo in una configurazione operativa di decollo, era piegato come un origami.

La distribuzione è stata un’attività complessa e impegnativa ed è stato il progetto più impegnativo di sempre, secondo la NASA.

Sabato mattina, gli ingegneri hanno inviato un ordine dallo Space Telescope Science Institute di Baltimora, nel Maryland, per la sezione finale del dispiegamento del Golden Mirror.

La NASA ha notato che dopo aver installato lo specchio in posizione alle 13:17 (1817 GMT), “il team ha annunciato che tutti i principali dispiegamenti erano stati completati con successo”.

“Voglio dirvi quanto sono eccitato ed emotivo in questo momento”, ha detto l’ingegnere Zurbuchen nella trasmissione video in diretta. “Abbiamo schierato un telescopio in orbita”.

Webb, il telescopio spaziale più potente di sempre e successore di Hubble, è decollato con un razzo Ariane 5 dalla Guyana francese il 25 dicembre e si sta dirigendo verso il suo punto di orbita, a 1,5 milioni di chilometri dalla Terra.

Sebbene Webb raggiungerà la sua destinazione spaziale, nota come Lagrange Point II, in poche settimane, ha ancora cinque mesi e mezzo per prepararsi.

I passaggi seguenti includono l’allineamento dell’ottica del telescopio e la calibrazione degli strumenti scientifici.

– Le prime galassie –

La sua tecnologia a infrarossi gli consente di vedere le prime stelle e galassie che si sono formate 13,5 miliardi di anni fa, offrendo agli astronomi una nuova prospettiva sull’universo primordiale.

All’inizio di questa settimana, il telescopio ha rivelato la sua protezione solare a cinque strati, un dispositivo a forma di cometa di 21 metri che funge da paracadute, assicurando che gli strumenti di Webb rimangano all’ombra in modo da poter rilevare deboli segnali infrarossi da lontano l’universo.

Questo scudo solare sarà permanentemente posizionato tra il telescopio e il sole, la Terra e la luna, con il lato esposto al sole per resistere a temperature fino a 110 gradi Celsius.

La luce visibile e ultravioletta emessa dai primi oggetti luminosi è stata distorta dall’espansione dell’universo e oggi si presenta sotto forma di radiazione infrarossa, che Webb può rilevare con una chiarezza senza precedenti.

La sua missione include anche lo studio di pianeti lontani per determinarne l’origine, l’evoluzione e l’abitabilità.

Il blog della NASA sul telescopio sabato ha riferito che la procedura è stata “l’ultimo grande dispiegamento di un osservatorio”.

Secondo il vice project manager della NASA per il telescopio, John Dorning, gli schieramenti hanno avuto “successo al 100%”.

“Questa è stata probabilmente la parte più pericolosa della missione”, ha detto Bill Ochs, responsabile del progetto Web della NASA, in una conferenza stampa dopo la pubblicazione.

“Questo non significa che tutti i nostri rischi scompaiano”.

Da parte sua, il blog della NASA ha osservato che “il suo successo consentirà lo sviluppo dei prossimi cinque mesi e mezzo di missioni, che consistono nella determinazione di una temperatura operativa stabile, nell’allineamento degli specchi e nella calibrazione degli strumenti scientifici”.

READ  Gli amanti del denim hanno già uno spazio tutto loro: El Sol de México