sabato, Giugno 22, 2024

Top 5 This Week

Related Posts

Il lancio della conferenza globale per rafforzare la risposta umanitaria urgente a Gaza in Giordania

Mar Morto (Giordania), 11 giugno (Ifi). – La Conferenza internazionale sulla risposta umanitaria all’emergenza nella Striscia di Gaza ha iniziato le sue sessioni questo martedì presso il Mar Morto, a sud-ovest della Giordania, alla presenza di leader provenienti da tutto il mondo. per una soluzione globale e completa. Risposta coordinata alla crisi umanitaria nella Striscia.

L’obiettivo principale dell’incontro, organizzato da Giordania, Egitto e Nazioni Unite, e a cui hanno partecipato capi di stato e rappresentanti di governo di un massimo di 75 paesi, tra cui Spagna, Colombia e Messico, tra gli altri, è quello di concordare “passi pratici”. ” Per quanto riguarda la fornitura di aiuti “immediatamente, adeguatamente e in modo sostenibile” a Gaza.

All’incontro parteciperanno, tra gli altri leader, il primo ministro spagnolo Pedro Sanchez e il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres.

Dopo l’apertura, l’incontro è stato suddiviso in sessioni per tre gruppi di lavoro: Secondo gli organizzatori, il primo riguarda la fornitura di aiuti umanitari ai residenti di Gaza, il secondo riguarda le modalità per rimuovere gli ostacoli al loro ingresso e alla loro distribuzione, e il terzo riguarda le priorità della ricostruzione postbellica.

Secondo i dati delle Nazioni Unite visualizzati sul sito web, 1,11 milioni di persone, quasi la metà della popolazione di Gaza, soffrono di livelli “catastrofici” di carestia, in mezzo al collasso del settore sanitario e alla diffusa distruzione delle infrastrutture a causa del blocco e dei bombardamenti in corso. Bombardamento israeliano.

Negli otto mesi di conflitto, in cui sono stati uccisi più di 37.000 palestinesi, la maggior parte dei quali donne e bambini, secondo il Ministero della Sanità di Gaza, solo due dei sette valichi di frontiera di Gaza sono rimasti aperti, con lunghe interruzioni: Kerem Shalom e Rafah attraversamento. al Sud.

READ  Fasi e costi per richiedere e rinnovare un permesso di lavoro negli Stati Uniti

Venti agenzie umanitarie, tra cui Oxfam e Doctors of the World, hanno recentemente denunciato e fallito i tentativi di aumentare l’accesso agli aiuti, come il bacino galleggiante costruito negli Stati Uniti, i lanci di cibo o l’apertura di nuove vie di accesso nel nord. “Poco effetto.”

L’Egitto, uno dei principali mediatori tra Israele e Hamas, ha più volte lamentato negli ultimi mesi gli “ostacoli” israeliani all’ingresso degli aiuti attraverso il valico di Rafah, che collega Gaza al Paese nordafricano, di cui Israele ha preso il controllo sul versante palestinese. un mese fa, come il valico di Kerem, che è controllato dallo Stato ebraico.

Il segretario generale dell’Alleanza del Consiglio di cooperazione del Golfo, Al-Ghani Jassem Al-Budaiwi, ha espresso la convinzione che l’incontro del Mar Morto “avrà una risposta di alto livello”, pur esprimendo timori circa “gli ostacoli che pongono ostacoli sul suo cammino.” Occupation” riguardante la consegna di aiuti ai residenti di Gaza.

Nella sessione plenaria della sessione di un giorno, ha parlato il re giordano Abdullah II; Il segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres e il presidente egiziano Abdel Fattah al-Sisi interverranno in qualità di ospiti della conferenza, alla quale parteciperanno anche rappresentanti di organizzazioni non governative e agenzie internazionali, tra cui l’UNRWA. Evie

Ciao fa/amr/ig

(Foto) (Video) (Audio)

Ciriaco Capone
Ciriaco Capone
"Creatore. Amante dei social media hipster. Appassionato di web. Appassionato fanatico dell'alcol."

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Popular Articles