Giugno 28, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il leader di Donetsk chiede una mobilitazione generale tra gli attacchi delle forze militari ucraine

Denis Pushlin ha affermato che qualunque sia lo scenario, il suo Paese sarà in grado di scoraggiare l’aggressione militare di Kiev. Foto: EFE

Questo sabato, il leader della Repubblica popolare di Donetsk, Denis Pushlin, ha chiesto una mobilitazione generale della popolazione, in mezzo ai recenti attacchi delle forze militari ucraine.

“Invito i concittadini che si trovano nelle riserve a recarsi negli uffici di reclutamento militare. Oggi ho firmato un decreto di mobilitazione generale”, ha detto Denis Pushlin in una dichiarazione video.

“Otterremo la vittoria. Proteggeremo il Donbass e l’intero popolo russoPushlin ha aggiunto, riferendosi alla regione separatista dell’Ucraina orientale. Denis Pushlin ha affermato che qualunque sia lo scenario, il suo Paese sarà in grado di scoraggiare l’aggressione militare di Kiev.

Il leader della Repubblica popolare di Lugansk, Leonid Pasnik, ha annunciato di aver firmato il decreto di mobilitazione generale in mezzo alla crescente aggressione dell’esercito ucraino.

Osservatori dell’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa (OSCE) che sovrintendono a questo conflitto aperto dal 2014 Sabato, ha avvertito di un aumento significativo delle violazioni dell’attuale cessate il fuoco nell’Ucraina orientale.

Il suo ultimo rapporto include 870 violazioni del cessate il fuoco nelle regioni di Donetsk e Lugansk giovedì, cinque volte il numero registrato due e due giorni fa.

Migliaia di cittadini delle repubbliche di Donetsk e Lugansk hanno iniziato venerdì a fuggire in Russia, di fronte alle minacce di una grande operazione militare ucraina contro la regione del Donbass.

Secondo il Ministero delle situazioni di emergenza dell’autoproclamata Repubblica popolare di Luhansk Circa 25.000 persone hanno lasciato l’area sotto la loro autorità.

READ  Le inondazioni sudafricane aggiungono 398 morti, 27 dispersi | internazionale | Notizia

Il capo del ministero di Lugansk, Yevgeny Katsavalov, ha commentato venerdì che stanno organizzando l’evacuazione di altri 10mila cittadini.

Da parte sua, il capo della stessa entità di Donetsk (Repubblica Democratica Popolare di Corea), Alexei Kostrobetsky, ha dichiarato che le autorità della regione hanno già evacuato 6.603 persone in Russia, tra cui 2.436 bambini.