Settembre 30, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il Libano risponde all’ambizione di Israele per le risorse idriche

Di Udine Maso Aguila

Corrispondente di Prensa Latina in Libano

Apprese delle manovre della piattaforma greco-britannica in campo karish, le massime autorità dello stato, governo e parlamento libanesi hanno convocato a Beirut il mediatore americano Amos Hochstein per riprendere i negoziati indiretti sulla demarcazione del confine con Tel Aviv.

Tra Libano e Israele c’è un’area contesa ricca di petrolio e gas, pari a circa 860 chilometri quadrati (Linea 23), secondo le mappe depositate dai due paesi presso le Nazioni Unite.

Durante uno dei colloqui in passato, la delegazione libanese ha presentato un aggiornamento del confine di ulteriori 1.430 chilometri (linea 29), che ha portato Israele a sospendere i negoziati nel maggio 2021.

ricchezza d’acqua

Il Paese che si affaccia sul Mar Mediterraneo ha inviato una lettera alle Nazioni Unite nel febbraio di quest’anno per confermare l’adesione ai suoi diritti sull’acqua e per ricordare che il campo di Karish, situato tra il Libano e la Palestina occupata, non appartiene a Israele.

La suddetta lettera testimoniava l’adesione di Beirut alle conclusioni della delegazione libanese nelle trattative sul confine meridionale, ed esprimeva il proprio rifiuto a rilasciare l’offerta del vicino di licenza nell’area contesa.

Nella lettera, il Libano ha preso l’iniziativa di accelerare i negoziati indiretti e ha chiesto un’area di 2.290 chilometri quadrati e non solo gli 860 chilometri quadrati rivendicati da Israele e dal suo alleato, gli Stati Uniti.

Per i ricercatori della regione, la polemica sorta nella demarcazione del confine dal 2007 ad oggi è dovuta principalmente alla negligenza e corruzione dello Stato libanese nel trattare l’archivio, che ha permesso al governo israeliano di approfittarne per per soddisfare la tua richiesta.

READ  Propongono un nuovo piano contro la deforestazione in Colombia

Difesa delle risorse

Il Libano ha recentemente ospitato il mediatore americano Amos Hochstein nel conflitto contro Israele, ha chiesto il diritto sovrano di investire nelle sue risorse idriche e ha chiesto risposte rapide da Tel Aviv.

Il Presidente della Repubblica, Michel Aoun, ha presentato una nuova proposta alla precedente proposta del diplomatico americano, in cui chiedeva di preservare l’intero giacimento di Qana e impegnarsi per la ricchezza petrolifera anche dopo la 23a linea.

Gli incontri indiretti sono iniziati nell’ottobre 2020 sotto gli auspici dell’organizzazione multilaterale e con la mediazione americana e fino a maggio 2021 si sono svolti cinque round di negoziati.

Parte del giacimento Karish, al momento fonte di contesa, compare all’interno della 29a linea, che i libanesi considerano il confine marittimo meridionale, da qui il rifiuto dei movimenti della nave esplorativa greca in servizio israeliano dall’inizio di giugno .

capacità di resistere

In vista della visita del diplomatico americano, il segretario generale di Hezbollah, Hassan Nasrallah, ha rinnovato le capacità finanziarie, militari e di sicurezza della resistenza per impedire l’esplorazione da parte di Israele della ricchezza del Libano.

Nasrallah ha sottolineato che l’obiettivo immediato è fermare qualsiasi attività israeliana finalizzata all’estrazione di petrolio e gas dal giacimento di Karish, situato sulla costa meridionale tra il Libano e la Palestina occupata.

Il leader di Hezbollah ha affermato che il Paese possiede in questo confronto con Israele il diritto, il motivo, la massima necessità e la forza sotto il titolo dell’esercito, del popolo e della resistenza.

Ha sottolineato che Hezbollah non vuole la guerra, ma non ne ha paura, e in questo senso ha messo in guardia Israele dal compiere qualsiasi azione che possa avere ripercussioni negative nella regione.

READ  Scende a Miami una gang cubana dedita al furto di carburante con carte di credito false

Il segretario di Hezbollah ha anche denunciato la strategia Usa e Israele per spingere il Libano in una carestia che costituisce “un grande pericolo per la sicurezza sociale e peggiore della guerra civile”.

Aumenta il recupero

Membri del Blocco Lealtà alla Resistenza, del Consiglio Politico del Partito Democratico Libanese e rappresentanti di varie forze hanno sottolineato la necessità di formare un nuovo governo per preservare la sovranità e salvare il Paese dalla crisi.

Il deputato Sheikh Hassan Ezz El-Din ha chiesto la formazione di un governo in grado di assumersi la responsabilità di difendere la ricchezza nazionale e di svolgere i suoi compiti a beneficio dei libanesi.

Ha sottolineato che una delle priorità nel contesto attuale è garantire l’elettricità come primo collegamento per l’accesso all’acqua e il regolare funzionamento degli stabilimenti nazionali.

Ha condannato la pressione americana e l’ostacolo che ha rappresentato all’importazione di elettricità attraverso la Siria, impedendo la ripresa dell’estrazione di petrolio ai suoi confini marittimi.

Da parte sua, il leader del Pdl, Talal Arslan, ha chiesto di prendere le distanze dal populismo e dalla corruzione per difendere il fascicolo di demarcazione dei confini regionali. Ha sottolineato la necessità di prendere una decisione il prima possibile in merito alla linea di confine sulla costa meridionale per evitare la possibilità che Israele inizi ad estrarre gas dal giacimento di Karish.

In questo senso, il rappresentante William Tawk ha chiesto di affrontare le violazioni della sovranità libanese da parte degli israeliani e di proteggere le risorse naturali con resistenza politica e autodeterminazione.

Nel frattempo, l’ex ministro Wadih al-Khazen ha chiesto una correzione di rotta e un’accelerazione dei negoziati sulla demarcazione dei confini marittimi e terrestri senza concessioni o aste davanti a Israele.

READ  L'Organizzazione Mondiale della Sanità conferma che "la variante omicron non cambia la natura della sfida che dobbiamo affrontare"

La National News Agency ha riferito che Al-Khazen ha respinto l’avidità israeliana di manovrare in un’area contesa come il campo di Karish, che contiene circa 453 miliardi di metri cubi di gas all’anno.

Il Libano terrà nei prossimi giorni consultazioni parlamentari per assegnare il governo, dando così continuità all’iter legislativo iniziato il 15 maggio.

I dati delle Nazioni Unite mostrano che circa 2,2 milioni di persone in Libano hanno bisogno di un sostegno urgente per garantire l’accesso al cibo e ad altri bisogni primari entro la fine dell’anno, con un aumento del 46% rispetto al 2021.

erba / yma