Gennaio 16, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il mercato azionario di Tokyo è cresciuto del 4,9% nel 2021 e ha chiuso al suo miglior livello dal 1989

Visualizza con i dati Nikkei in un’immagine memorizzata. EFE / EPA / KIMIMASA MAYAMA

Tokyo, 30 dicembre (EFE). La Borsa di Tokyo ha chiuso in rialzo del 4,9% nel 2021 poiché i segnali di ripresa l’hanno portata ai livelli più alti in oltre tre decenni, ma questa volatilità politica interna e l’emergere di una variabile omicron hanno finito per stabilizzarsi.
L’indice principale di Tokyo, il Nikkei, ha chiuso oggi l’ultima sessione dell’anno a 28.791,71 punti, la sua migliore chiusura dal 1989.
La Borsa di Tokyo ha aperto lo scorso gennaio con l’indice Nikkei che supera per la prima volta in 30 anni la barriera psicologica dei 28.000 punti, grazie alla buona accoglienza del cambio di governo negli Stati Uniti e nonostante la dichiarazione dello stato di emergenza che continuerà senza interruzione per più di sei mesi.
La vaccinazione e i segnali di ripresa economica alimentati dallo stimolo finanziario adottato dall’epidemia, hanno spinto la selettività a oltre 30.000 interi a febbraio, prima di perderla nuovamente a causa dell’impatto della crisi immobiliare cinese Evergrande o della peggiore ondata di Covid nel Paese in Agosto, quando il trading floor ha registrato il suo livello più basso Ha, durante l’anno, 27.013,25 interi.
Altri fattori che hanno caratterizzato il mercato azionario giapponese sono stati il ​​cambio di primo ministro, che ha portato l’indice Nikkei a settembre al suo miglior punteggio dell’anno (30.670,10 punti) e la scoperta di Omicron, il cui potenziale impatto economico rimane incerto.
Questo è stato il terzo anno consecutivo di crescita per la Borsa di Tokyo, con la sua capitalizzazione che supera i 700 trilioni di yen (5,37 miliardi di euro) per la prima volta nella prima divisione.
Tra le aziende che si sono distinte quest’anno a Tokyo c’era il produttore di apparecchiature per l’ispezione dei semiconduttori Lasertec, la cui capitalizzazione è aumentata di oltre il 160% su base annua per superare i 3 trilioni di yen (23.000 milioni di euro).
L’azienda, fornitore quasi esclusivo di dispositivi per l’ispezione di maschere fotografiche, ha attirato l’attenzione degli investitori a causa della domanda in forte espansione ed è stata spesso l’azienda più quotata dell’epoca.
Un totale di 24 società sono apparse nel 2021 nella prima sezione, sebbene nulla fosse rilevante. Ha evidenziato il ritorno del conglomerato tecnologico Toshiba dopo essere stato relegato in seconda divisione nel 2017 a causa dei suoi problemi finanziari.
L’anno 2021 termina in cui le società giapponesi hanno triplicato i loro finanziamenti attraverso il capitale al massimo in undici anni, secondo il fornitore di dati Refinitiv, nella loro battaglia per mitigare l’impatto del coronavirus e sfruttare l’era post-pandemia.

READ  Arbitrum One viene lanciato ufficialmente sulla mainnet