Ottobre 19, 2021

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il mercato delle criptovalute perde $ 255.000 milioni a causa della crisi immobiliare cinese

Lunedì 20 settembre alle 12:45 UTC, il mercato delle criptovalute è sceso al minimo locale di 1,87 trilioni di dollari, riflettendo un calo dell’11% in un periodo di 24 ore. Il calo della capitalizzazione di mercato totale di Bitcoin (BTC) e criptovalute, che ha raggiunto i 255.000 milioni di dollari, ha coinciso con il calo del resto dei mercati, attribuito alla crisi di Evergrande, una delle più grandi società immobiliari cinesi. .

Mentre il valore di mercato totale Lunedì è sceso sotto i $ 2 trilioni, per la prima volta dal 19 agosto, prezzo Bitcoin È sceso da $ 47.224 a $ 42.728, in calo del 9,52% nelle ultime 24 ore.

Al momento della stesura di questo articolo, il prezzo di BTC è leggermente aumentato e viene scambiato a $ 43.688, secondo per l’indice dei prezzi Da CriptoNoticias. La capitalizzazione di mercato di Bitcoin è scesa da 897 miliardi di dollari a 821 miliardi di dollari. Equivalente a un calo dell’8,47% nelle ultime 24 ore.

Il debito di Evergrande ha fatto precipitare la crisi

Evergrande non sarà in grado di soddisfare diversi pagamenti di interessi milionari dovuti questa settimana, su debiti superiori a $ 300.000 milioni. Paura di Fallimento di questa società, potrebbe trascinare il settore immobiliare in tutta la Cina e in altri paesi asiatici.

Oltre al prezzo delle azioni della società che è crollato del 10% lunedì nei mercati di Hong Kong, l’indice azionario Hang Seng è sceso del 7%. Il calo, il più grande dal 2016, si è esteso dopo ore ai mercati europei e nordamericani, comprese le criptovalute.

Secondo un rapporto del quotidiano El País di Pechino, i mercati temono che se il governo cinese non interviene, i problemi di liquidità di Evergrande potrebbero far precipitare un’ondata di fallimenti e trascinare il settore finanziario che ha concesso un gran numero di prestiti ad entrambe le società immobiliari. e clienti. Il debito dell’Evergrande equivale al 2% del PIL cinese, pari per dimensioni all’intera economia sudafricana.

Prezzo del bitcoin nel pannello superiore, accanto agli indici NASDAQ (NDX), S&P 500 (SPX) e Dow Jones (DJI). Fonte: TradingView.

Il Dow Jones Industrial Average ha chiuso lunedì in ribasso di 164 punti, o dell’1,8%, mentre l’S&P 500 ha perso il 2,2% e il Nasdaq è sceso del 2,1%. Per questi ultimi due indici si tratta del calo maggiore da maggio, mentre il Dow Jones affronta il calo maggiore dallo scorso luglio, secondo Dati Baroni.

La crisi ha dato segnali di avvicinamento

CriptoNoticias ha commentato giovedì 16 settembre in un’analisi di Reuters su La possibilità di una crisi economica globale Se Evergrande va in default. Già in quella data, alle più importanti banche cinesi è stato comunicato che Evergrande non avrebbe potuto adempiere agli obblighi di pagamento in scadenza lunedì.

A causa della possibilità di questo scenario, c’era chi raccoglieva Bitcoin come una buona riserva di valore per proteggersi. Ma, come abbiamo visto, il cripto-asset non è riuscito a staccarsi dai mercati azionari ed è caduto con loro. Qualcosa di simile è successo nel cosiddetto Giovedì nero per l’anno 2020, scoppiata con l’emergenza sanitaria causata dal COVID-19.

READ  La tassa globale sulle grandi aziende sarà fissata al 15% durante la riunione dell'OCSE