Gennaio 17, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il mercato, in diretta: news e last minute per oggi, 10 gennaio

‘Non sappiamo bene dove mettere Wijnaldum’

Georgino Wijnaldum ha recitato in una serie TV l’anno scorso. Il suo contratto con il Liverpool è scaduto nel giugno 2021 e, nonostante il desiderio di Klopp di continuare a fare affidamento su di lui, ha deciso di andarsene. Tutto sembra indicare che la sua destinazione sarà il Barcellona, ​​con Koeman come principale sostenitore e che di fatto arriva a zero come promotore dell’accordo. Fino alla comparsa del Paris Saint-Germain.
L’olandese ha scelto la gara parigina, che è stata più eccitante dal punto di vista economico e sportivo, perché il Barcellona stava attraversando un periodo turbolento.

Un forte centrocampista che va avanti e indietro. Ideale per fungere da ponte tra il fulcro difensivo (Gueye) e il costruttore (Verratti). Ma nel calcio due più due non fa sempre quattro.
Le critiche non tardarono ad emergere e, con l’eccezione di un gioco che fungeva da oasi, il passaggio di Wijnaldum attraverso il PSG era deserto. Con il mercato invernale aperto e la fiducia bassa, si profila un ritorno al PM. Everton, Newcastle ed Everton sono interessati al suo prestito in prestito. Il recente confronto contro il Lione, dove era assente, conferma che uscire è forse l’opzione migliore. Dal rifiuto di Barcellona allo sci a Parigi. Il tutto in poco più di sei mesi.

“Non sappiamo davvero dove mettergli Wijnaldum e questo non sorprende, perché anche con l’Olanda è il tipo di giocatore che ha bisogno di essere abbastanza libero. È difficile mettere giù questo ragazzo, anche se penso che abbia ancora un posto al PSG”, ha detto Vikash Drasso, ex Paris Saint-Germain e ora analista di L’Equipe. Un mese dopo la partita contro il Real Madrid, a Parigi non riescono a trovare un posto dove piazzare uno degli acquisti delle loro superstar.

READ  Non puoi pretendere di vincere trofei