Settembre 30, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il mercato vale più di 2.000 milioni di euro, con le palestre spagnole che cercano di crescere

Negli ultimi anni, il Portogallo è stato un mercato di espansione naturale per le catene di palestre spagnole, ma l’ambizione si estende oltre la penisola iberica e attraverso il Mediterraneo per piantare una bandiera in Italia. Il fitness in questo Paese ha suscitato l’interesse degli operatori spagnoli, che vedono un mercato simile a quello spagnolo per dimensioni e abitudini sportive: Fatturato di 2.325 milioni di euro prima dell’epidemiaIl quinto mercato più grande d’Europa, riscaldato in Spagna, condivideva lo stesso numero di abbonati alle palestre prima del Covid-19: 5,5 milioni.

Ma il mercato è davvero enorme. Al 30 giugno 2019 l’universo di business del fitness in Italia conta 23.000 operatori, secondo i dati forniti da UnionCamera e Infocomer: 5.167 aziende attive nel facility management, 5.100 e 4.986 società sportive nella gestione delle palestre. 8.217 società di promozione di eventi sportivi e legati allo sport.

Si stima che l’intero ecosistema di attività sportive non federali abbia ricevuto un fatturato di 10.000 10.000 milioni. In un anno il contributo dei produttori di attrezzature, calzature e abbigliamento sportivo è salito a 13.000 milioni di euro, secondo i dati Cervate. Secondo l’Agenzia nazionale di statistica (INE), questo è inferiore ai 16.000 milioni di mosse di gioco in Spagna nel 2019.


Anche questa, nonostante i dubbi, è la quantità di opportunità che si presentano. Quali sono le specialità del fitness italiano? Nel paese TransSulfine, gli operatori convivono con le catene sotto la regola del privilegio amministrativo Premium Y Prezzo basso, Come nel caso della Spagna. La differenza? La penetrazione del fitness nella community non supera il 10% e il tasso di crescita annuale è di circa l’1%, secondo i dati raccolti per una serie di report di Deloitte e Europe Active. In tutto il mondo attraverso i primi 20 mercati del fitnessCreato con il supporto di Matrix.

READ  "The Hollywood Ripper" condannato a morte per aver ucciso l'ex fidanzata di Ashton Kutcher con 47 coltellate

Meno del 10% di penetrazione equivale a un mercato che consente la crescita, Quindi Forus o GO sono alla ricerca di opportunità in forma e stanno iniziando a posizionarsi in quella regione. Tuttavia, questa è una regione in cui il fitness sta crescendo lentamente: la crescita media annua tra il 2015 e il 2019 è stata solo dell’1,9%, mentre la crescita della Spagna è aumentata del 2,5%.

Nel mercato italiano opera la società tedesca McFit, che ha stretto una partnership con il Gruppo RSG per entrare in altri marchi del gruppo come John Reid o Gold’s Gym. David Lloyd, Micro Group e Virgin Active sono altri operatori internazionali esistenti. Sezione PremiumMentre nella sezione Prezzo basso Convivono con catene italiane come Geese Fit e Fitactive. Proprio mentre operatori come Forus e GO Fit si stanno posizionando in Spagna, entrambi stanno lavorando per crescere in Spagna. In primo luogo, l’acquisto di 18 centri sportivi comunali; GO Fit, con un progetto a Milano.

La forma fisica italiana è aumentata in media dell’1,9% all’anno tra il 2015 e il 2019

L’epidemia del Govt-19, che ha causato la chiusura temporanea della palestra per dieci mesi da marzo 2020 a maggio 2021, ha ridotto il carattere commerciale della regione. I dati dell’Associazione Nazionale Palestre Anif indicano che il 40% degli operatori a settembre 2022 aveva dal 25% al ​​50% in meno di iscritti rispetto a settembre 2019.

Il 53% ha sottolineato che le proprie vendite erano inferiori del 50% rispetto a prima dell’epidemia, mentre il 20% ha riconosciuto la riduzione come “solo” il 25%. La ripresa di questo settore è quindi più lenta rispetto alla Spagna, dove le palestre non chiudevano dopo molto tempo, come l’Italia, la Germania o la Francia.

READ  Unicredit presenterà un piano per ridurre 3.000 posti in Italia

Secondo l’Istituto Superiore di Sanità, si stima che obesità, diabete e malattie cardiache costino al Paese 40 40 miliardi l’anno in costi di cura e perdita di produttività. L’organizzazione stima che un’adeguata educazione all’attività fisica genererà மில்லியன் 2.000 milioni all’anno per l’Organizzazione nazionale della sanità. Il ruolo che le palestre svolgono in questo processo determinerà la loro rilevanza nella società italiana e l’evoluzione del loro business.