Ottobre 3, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il messaggio emozionante di Nadal a Federer: “È un giorno triste per me”

Roger Federer e Rafael Nadal Loro, insieme a Djokovic, hanno lottato per ottenere il dominio nel tennis mondiale. Svizzeri e spagnoli Ci siamo incontrati 40 voltecon il maggior numero di vittorie di Nadal e sempre nei turni alti dei tornei, ma Che la rivalità matematica tra loro non ha mai superato i limiti del rettangolo di gioco. Al di fuori di loro, Roger e Rafa sono buoni amici che si rispettano e si ammirano a vicenda.

Ecco perché Nadal ha risposto Annuncio di recesso fatto da Federer Questo giovedì. Le sue parole scritte mostrano che vengono direttamente dal cuore.

Il messaggio di Nadal a Federer

“Caro Roger, mio ​​amico e concorrente.

Vorrei che questo giorno non fosse arrivato. È un giorno triste per me personalmente e per lo sport di tutto il mondo.

È stato un piacere ma anche un onore e un privilegio condividere con voi tutti questi anni, vivendo tanti momenti meravigliosi dentro e fuori dal campo.

Avremo più momenti da condividere insieme in futuro, e ci sono ancora molte cose da fare insieme, lo sappiamo.

Per ora, ti auguro tutta la felicità con tua moglie Mirka, i tuoi figli e la tua famiglia e goditi ciò che ti aspetta. Ci vediamo a Londra alla Laver Cup”.

Federer si arrese a Nadal

Roger Federer non gioca una partita competitiva da luglio 2021. Gli infortuni gli hanno impedito di prepararsi a giocare i tornei del Grande Slam e di dire addio a qualcosa come desiderava.

READ  Max Scherzer elogia Miguel Cabrera

Per gli anni svizzeri Ha mostrato un grande fan di Rafael Nadal. Una delle ultime volte in cui si è riferito al tennista di Manacor è stata dopo l’ultimo Roland Garros. “Quello che Rafa ha ottenuto è sorprendente. Il record di Pete Sampras, che ho battuto, era di 14 titoli del Grande Slam, e lui ne ha già 22”, dice.

“Rafa ha vinto il Roland Garros 14 volte. È incredibile. Sono così felice che l’abbia fatto. Mi tolgo il cappello. Dopo le dieci e le undici… pensavo già: “Non può essere”. Ma continua ad alzare l’asticella. È gigante”.