Maggio 18, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il Messico annuncia il suo attacco per eliminare le discriminazioni negli stadi

Questo contenuto è stato pubblicato il 17 gen 2022 – 23:58

CITTÀ DEL MESSICO, 17 gennaio (EFE) – Il presidente della Federcalcio messicana, Yon de Luisa, ha annunciato lunedì che l’organismo lancerà un’offensiva per eliminare la discriminazione contro i tifosi durante le partite della nazionale.

De Luisa ha spiegato in conferenza stampa che la Corte Arbitrale dello Sport (TAS) ha riconosciuto che le sanzioni contro il Messico da parte della FIFA non entreranno in vigore fino a quando non sarà adottata una soluzione definitiva, ma che la federazione non consentirà al pubblico di partecipare alle partite di in ogni caso. Rica il 30 gennaio e Panama il 2 febbraio.

“Contro Costa Rica e Panama non apriremo lo stadio al pubblico, useremo quelle partite con un gruppo di 2.000 tifosi per testare la nuova politica e il processo di accesso alle partite della nazionale”, ha detto.

La Fédération Internationale de Football Association (FMF) ha lanciato uno schema in quattro punti per identificare coloro che da diversi anni gridano “ridicolo” ai portieri rivali, il primo dei quali è che i tifosi devono registrare il proprio biglietto con i propri dati personali su un sito Web che inserirà un codice che devono fornire con il proprio ID per accedere allo stadio.

Secondo il direttore, nello stadio sarà promossa una sana convivenza senza atti discriminatori, e sarà aumentato anche il numero delle guardie addestrate per identificare e allontanare dallo stadio coloro che compiono atti discriminatori.

“I pensionati non potranno assistere alle partite della nazionale per cinque anni”, ha aggiunto.

READ  La Liga: Simeone e i suoi dieci anni alla guida dell'Atletico: "Ho un fascicolo personale e non lo cambio"

Il capo del calcio messicano ha insistito per adottare una posizione di tolleranza zero nei confronti di qualsiasi manifestazione offensiva o discriminatoria negli stadi e ha ringraziato coloro che hanno aderito alle misure contro la protesta, in particolare i tifosi.

Ha ammesso: “Se questo avrà successo, sarà una misura che risuonerà con i club. Dobbiamo farlo bene in nazionale in modo che i club possano valutarlo”.

Secondo Yon de Luisa, la misura non era intesa a impedire la rivendita dei biglietti, ma li riguarderebbe.

“Ciò avrà un impatto enorme perché tutti coloro che acquistano dovranno registrarsi e portare con sé il proprio ID per ottenere il codice”, ha concluso. EFE

GB / abbastanza

© EFE 2022. La ridistribuzione e la ritrasmissione di tutto o parte dei contenuti dei Servizi Efe, senza il preventivo ed espresso consenso di Agencia EFE SA, è espressamente vietata.