Ottobre 19, 2021

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il ministero degli Esteri ungherese convoca l’ambasciatore ucraino per la reazione di Kiev all’accordo con Gazprom

Ti sei registrato con successo
Fare clic sul collegamento nell’e-mail inviata a

internazionale

Tutte le notizie dal mondo nello stesso portale di informazioni. Tieni d’occhio ciò che sta accadendo in diverse parti del mondo.

Mosca (Sputnik) – Il ministero degli Esteri ungherese ha convocato l’ambasciatore ucraino sulla posizione di Kiev sull’accordo di fornitura del gas firmato tra l’Ungheria e la russa Gazprom.

“Oggi (martedì) abbiamo convocato l’ambasciatore ucraino presso il ministero degli Esteri per protestare contro la tentata violazione della nostra sovranità”, ha scritto sulla sua pagina Facebook il ministro degli Esteri ungherese Szyjjarto Peter.

Il ministro degli Esteri ungherese ha anche denunciato il tentativo di interferire negli affari interni dell’Ungheria e ha descritto le misure adottate dall’Ucraina che potrebbero ostacolare le forniture di gas e quindi “riscaldare le case del popolo ungherese e gestire l’industria”.

Ha detto che il comportamento dell’Ucraina è stato ostile nonostante tutto l’aiuto che l’Ungheria ha dato allo stato slavo.

Il 27 settembre, Gazprom, Ungheria hanno firmato Un contratto per la fornitura di gas fino alla fine del 2036, che Kiev ha promesso di denunciare alla Commissione Europea.
Logo della Gazprom russa - Sputnik World, 1920, 27.09.2021

Budapest descrive la reazione di Kiev all’accordo di Gazprom come un’interferenza nei suoi affari interni

In base all’accordo, l’Ungheria riceverà 3,5 miliardi di metri cubi di gas attraverso la Serbia e un miliardo di metri cubi dall’Austria. Il contratto entrerà in vigore il 1° ottobre.

READ  Il diplomatico venezuelano denuncia l'illegalità dell'estradizione negli Stati Uniti

Le relazioni tra Ucraina e Ungheria sono peggiorate dopo l’approvazione, nel settembre 2017, della legge ucraina che limita l’uso delle lingue delle minoranze etniche.

Il nuovo regolamento rende obbligatorio l’insegnamento delle materie in lingua ucraina in tutte le scuole a partire dal quinto anno della scuola primaria. Ungheria, Romania e altri paesi hanno denunciato che i regolamenti ucraini violano i diritti delle minoranze.