Dicembre 4, 2021

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il ministro degli Esteri cubano chiede un nuovo sistema finanziario per superare la povertà

Il ministro degli Esteri cubano Bruno Rodriguez ha sottolineato oggi che sradicare la povertà e salvare il mondo dipendono dalla creazione di un sistema finanziario “onesto, equo e umano”, come riconosciuto dal leader storico Fidel Castro.

Sul suo account Twitter, il Segretario di Stato, direttamente a Giornata Internazionale per l’Eradicazione della Povertà, Ha ripreso il discorso dell’allora Presidente di Cuba il 29 giugno 1999 al Vertice dei Capi di Stato e di Governo dell’America Latina e dei Caraibi nell’Unione Europea.

“Più che una ‘nuova architettura’ per un sistema vecchio e superato, la questione urgente è abbattere alle fondamenta il sistema finanziario stabilito e creare un sistema veramente onesto, democratico, equo e umano che aiuti a porre fine alla povertà e a salvare il mondo” e gridò Fidel Castro.

Il giorno prima, il segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres ha avvertito che questo è un male in aumento per la prima volta in due decenni e influenzato dalla disuguaglianza tra nord e sud.

Guterres ha osservato che la pandemia di COVID-19 ha aumentato il numero dei poveri di 120 milioni di persone lo scorso anno e ha chiesto la sua eliminazione, il sovraindebitamento e gli investimenti per la ripresa nei paesi più bisognosi.

Inoltre, ha osservato che le donne in condizioni di estrema povertà sono di gran lunga più numerose degli uomini e che i 22 individui più ricchi del mondo hanno accumulato più ricchezza di tutte le donne nella regione africana.

Sebbene la prima celebrazione si sia tenuta a Parigi, in Francia, nel 1987, le Nazioni Unite hanno dichiarato nel 1992 la Giornata internazionale per l’eliminazione della povertà.