Maggio 16, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

“Il mio sogno è viaggiare nello spazio” – Punto U

nel 2019, Laura Guadalupe Guajardo Villarreal frequentato da Galleria spaziale del Messico – che è stato aperto all’aeroporto internazionale Philippe Angeles – e lì se ne è saputo una pentola Gli studenti universitari in carriere STEM (Scienza, Tecnologia, Ingegneria e Matematica) sono invitati a partecipare a programma di volo.

Laura Guajardo ha lavorato a un progetto chiamato “Sustainable Propulsion Systems in the Aerospace Industry”, un materiale caricato sulla piattaforma di proprietà della NASA per coloro che sono interessati alla registrazione.

Da allora, fare domanda per questo bando è diventato un obiettivo della giovane donna che vive nel comune di Salinas Victoria. È studente del settimo semestre di Ingegneria Aeronautica a Facoltà di Ingegneria Meccanica ed Elettrica (FIME) e ha 21 anni.

“Le persone dell’Agenzia spaziale messicana stanno spiegando i dettagli di questo invito della NASA e tra i requisiti che chiedono c’è la presentazione di un progetto su cui stiamo lavorando. Problemi attuali nel settore aeronautico.

“Non avevo alcuna preparazione per quell’anno, quindi da quel momento fino a quest’anno stavo portando avanti il ​​mio progetto di ricerca”, ha detto.

Il mio sogno è viaggiare nello spazio.

obiettivo ambizioso

La studentessa FIME è stata molto chiara sul fatto che il suo progetto di ricerca dovrebbe essere tale Forte, pertinente e argomentato. Quindi ha scommesso sulla preoccupazione che attualmente esiste in tutto il mondo per la questione ambientale.

“Nel processo di combustione, viene attualmente rilasciato monossido di carbonio, che è il principale inquinante nell’atmosfera, e il mio progetto consiste nel sostituirlo con un composto chimico che è l’etanolo”, ha spiegato.

Dopo aver fatto domanda per la chiamata, sono stato in grado di scoprire che è stata accettata online. lei ha Sarà unito il 14 novembre Per un gruppo di 60 studenti che trascorreranno una settimana alla NASA.

Il mio sogno è viaggiare nello spazio.

“Lì si svolge la competizione per una settimana. Simuleranno antigravità, lezioni di immersione e addestramento effettuati dagli astronauti, e poi porremo un problema che dovremo risolvere. Per lavorare a questo progetto ci forniranno i file che hanno raccolto in missioni precedenti, come la missione Apollo sulla luna”, ha detto lo studente. O una missione robotica su Marte.

In questa competizione, studenti provenienti da diversi paesi del mondo verranno riuniti in gruppi di cinque persone; Si sforzeranno di risolvere il problema e il progetto vincitore sarà una grande ricompensa.

Ci danno un compito e dovremo risolverlo attraverso squadre composte da colleghi di diversi paesi. Finora ho visto alcuni giovani provenienti dal Brasile, dagli Stati Uniti, dall’India, dall’Ecuador, dalla Colombia e dal Messico. Il progetto vincitore sarà inviato nello spazio.

Laura Guadalupe Guajardo Villarreal


Laura è giovane con molta iniziativa, ambizione accademica e una visione molto chiara di se stessa per il futuro.

“Fin dall’inizio ho fatto domanda, sapevo che ce l’avrei fatta. Sono assolutamente sicuro delle capacità, di tutti gli strumenti che la Scuola di Ingegneria Meccanica ed Elettrica UANL ci mette a disposizione.

“Il mio sogno è viaggiare nello spazio, lavorare in ingegneria Stazione Spaziale Internazionale “Sento che queste opportunità sono porte che mi aprono per raggiungere il mio obiettivo”, ha detto con convinzione.

Il mio sogno è viaggiare nello spazio.

La scienza non ha genere

Da bambina, Laura aveva molte domande sull’universo.

“Fin da piccola mi ponevo queste domande, che penso si pongano la maggior parte dei bambini: perché ci sono le stelle nel cielo, perché ce ne sono così tante e cosa accadrebbe se potessimo arrivare sulla luna”, ricorda.

Tuttavia, avverte che, man mano che le persone crescono, queste domande vengono lasciate da parte e molti sogni rimangono.

Secondo Laura, né l’ingegneria né la tecnologia in generale hanno un genere, perché uomini e donne hanno le stesse capacità.

“C’è sempre chi fa commenti negativi come ‘Questo non è per alcune persone’, qui in Messico non c’è posto per svilupparsi e hanno fermato quel sogno, ma ho sempre mantenuto la mia motivazione.

“Mia madre mi diceva sempre ‘Se puoi sognare o pensarci, puoi farlo’ ed eccoci qui, sulla strada”, ha detto con orgoglio.

Anche le statistiche sfavorevoli per le studentesse universitarie che studiano diplomi STEM non hanno spaventato uno studente UANL.

Il mio sogno è viaggiare nello spazio.

“Secondo i dati dell’UNESCO, solo il 30 per cento degli studenti che si laureano (in lavori STEM) sono donne, ma sento che è una questione culturale, che è radicata”.