Gennaio 26, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il mondo è in massima allerta per la variante del coronavirus Omicron

(CNN) – Le autorità sanitarie olandesi stanno indagando se 61 persone Coloro che hanno viaggiato dal Sudafrica e sono risultati positivi al COVID-19 venerdì hanno contratto la nuova variante potenzialmente più trasmissibile del coronavirus nota come omicron.

L’Organizzazione mondiale della sanità ha dichiarato venerdì scorso che prove preliminari suggeriscono che la variante dell’omicron, identificata per la prima volta in Sudafrica, potrebbe comportare un aumento del rischio di reinfezione e ha affermato che alcune delle mutazioni scoperte nella variante sono preoccupanti.

Ad oggi la variante si trova in Botswana, Hong Kong e Belgio. Il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie ha dichiarato venerdì che esiste un rischio “da alto a molto alto” che la nuova variante si diffonda in Europa.

GGD Kennemerland, il servizio sanitario municipale responsabile dell’aeroporto Schiphol di Amsterdam, ha affermato che i risultati positivi dei test saranno verificati il ​​prima possibile. Le autorità olandesi hanno aggiunto che coloro che sono risultati positivi sono stati mandati in isolamento in un hotel vicino.

Misure efficaci contro ogni variante, secondo il parere del medico 1:30

La scoperta della nuova alternativa ha sollevato preoccupazioni in tutto il mondo. Molti paesi hanno imposto divieti di viaggio e i mercati globali sono crollati.

Ma mentre venerdì l’Organizzazione mondiale della sanità ha classificato Omicron come una “variante preoccupante”, ha sottolineato che sono necessarie ulteriori ricerche per determinare se la variante è più contagiosa, causa malattie più gravi e potrebbe eludere i vaccini.

“Questa variante ha un gran numero di mutazioni e alcune di queste mutazioni hanno alcune caratteristiche di preoccupazione”, ha detto in una nota Maria Van Kerkhove, responsabile tecnico dell’OMS per COVID-19.

READ  Una depressione tropicale unica verso Cuba e le Bahamas

“Al momento ci sono molti studi in corso…finora ci sono poche informazioni, ma questi studi sono in corso, quindi abbiamo bisogno che i ricercatori abbiano abbastanza tempo per implementarli e l’Organizzazione Mondiale della Sanità informerà il pubblico, i nostri partner e membri il prima possibile perché abbiamo più informazioni”.

La variante di Omicron era “estremamente preoccupante”, ha affermato Lawrence Young, virologo e professore di oncologia molecolare presso la Warwick Medical School nel Regno Unito.

“È la versione più mutata del virus che abbiamo visto finora”, ha detto Young in un messaggio. “Questa variante porta alcuni dei cambiamenti che abbiamo visto in precedenza in altre varianti, ma non sono stati fatti insieme in un singolo virus. Contiene anche nuove mutazioni.” affermazione.

Quali sono i rischi della nuova alternativa al Corona virus chiamata Omicron? 1:29

La variante contiene un gran numero di mutazioni, circa 50 in totale. Fondamentalmente, i genomisti sudafricani hanno detto giovedì che sono state trovate più di 30 mutazioni nella proteina spike, la struttura che il virus usa per entrare nelle cellule che attacca.

Sudafrica isolato

La scoperta della variabile ha innescato un nuovo ciclo di restrizioni ai viaggi in tutto il mondo, con molti paesi che hanno chiuso i loro confini ai viaggiatori provenienti da vari paesi sudafricani.

Stati Uniti, Unione Europea, Regno Unito, Australia, Giappone, Russia, Brasile, Arabia Saudita, Israele, Egitto, Filippine, Thailandia e molti altri Paesi hanno annunciato o proposto il divieto dei voli dalla regione.

La maggior parte dei paesi, compresi gli Stati Uniti, ha imposto restrizioni ai viaggi da Sudafrica, Botswana, Zimbabwe, Namibia, Lesotho, Eswatini, Mozambico e Malawi.

READ  Il vertice del G20 tra proteste e dubbi (+ foto)

Il governo sudafricano ha messo in dubbio il divieto di viaggio, rilevando in una dichiarazione che i Centri africani per il controllo e la prevenzione delle malattie “scoraggiano fortemente” i divieti di viaggio per le persone provenienti dai paesi che hanno segnalato la discrepanza.

“Durante il periodo di questa pandemia, abbiamo osservato che il divieto per i viaggiatori provenienti da paesi in cui è stata segnalata una nuova variante non ha prodotto un risultato significativo”, afferma la nota.

Gli scienziati hanno elogiato le autorità sanitarie sudafricane per la loro rapida risposta all’epidemia di COVID-19 nella provincia di Gauteng, nel paese, che ha portato alla scoperta della nuova alternativa.

Quando i casi nella contea hanno iniziato ad aumentare a un ritmo più elevato che altrove, gli esperti sanitari si sono concentrati sul sequenziamento dei campioni di coloro che sono risultati positivi, consentendo loro di identificare rapidamente la variante B.1.1.529.

Il Ministero della Salute sudafricano e i suoi scienziati “dovrebbero essere elogiati per la loro reattività e conoscenza e per aver lanciato l’allarme nel mondo”, ha affermato Tawoos.

Ha aggiunto che lo sviluppo dimostra quanto sia importante avere eccellenti capacità di sequenziamento e condividere esperienze con gli altri. Questo messaggio è stato rafforzato dall’Organizzazione mondiale della sanità, che venerdì ha chiesto ai paesi di migliorare gli sforzi di sorveglianza e sequenziamento per comprendere meglio le varianti del coronavirus.

Ma il dottor Richard Lisels, specialista in malattie infettive presso l’Università di KwaZulu-Natal a Durban, ha affermato che il Sudafrica è stato “punito” per la sua trasparenza e capacità di rilevare rapidamente la variante e segnalare il problema alle autorità sanitarie internazionali.

READ  Costa Rica e Francia rafforzano il loro impegno nella lotta ai cambiamenti climatici

“Quello che ho trovato davvero disgustoso e disgustoso… Non sono stati solo i divieti di viaggio attuati dal Regno Unito e dall’Europa, ma quella è stata l’unica reazione o la reazione più forte. Non c’era alcuna parola di sostegno che dicesse che lo avrebbero dato per aiutare l’Africa paesi per controllare l’epidemia”.

Martin Guilando, David Mackenzie, Gazi Balkes, Laura Smith Spark, Sharon Braithwaite, Antonia Mortensen, Tim Lister e Lauren Lau della CNN hanno contribuito al reportage.