Dicembre 2, 2021

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il mondo si impegna a invertire la perdita di biodiversità

Kunming, Cina – Quindicesima Conferenza delle Parti (COP15) Convenzione sulla diversità biologica, concluso venerdì 15 con l’impegno a mantenere politiche e misure che consentano di invertire la perdita di biodiversità e sviluppare un periodo di recupero tra il 2030 e il 2050.

“Ora devono essere intraprese azioni per proteggere meglio la natura, e questo è qualcosa su cui abbiamo concordato qui. Il segretario esecutivo della COP 15, la tanzaniana Elizabeth Maruma Maryama, ha dichiarato durante la consegna della Dichiarazione di Kunming ai media, è stato raggiunto il consenso, ma dobbiamo continuare progredire.

Questa città della Cina sudoccidentale ha fatto da palcoscenico virtuale alla conferenza delle Nazioni Unite, che si svolgerà dal 25 aprile all’8 maggio 2022.

Dichiarazione, che include il consenso di 196 paesi o istituzioni fa parte di Convenzione delle Nazioni UniteIn primo luogo, prevede di “accelerare e consolidare la preparazione e l’aggiornamento delle strategie nazionali e dei piani d’azione nel campo della biodiversità”.

Il suo primo obiettivo è “migliorare l’efficienza e aumentare la copertura, a livello mondiale, della conservazione e della gestione basata sull’area, e migliorare e creare sistemi efficaci di aree protette, nonché strumenti di pianificazione territoriale, per proteggere la genetica delle specie e della diversità”.

L’Unione internazionale per la conservazione della natura (IUCN), nel valutare 138.374 specie di animali e piante, ha rilevato che il 28%, almeno 38.500, è ora a rischio di estinzione.

Con il motto di raggiungere “vivere in armonia con la natura” entro il 2050, il testo di Kunming si propone di promuovere “l’uso sostenibile della biodiversità” per soddisfare i bisogni delle persone.

A questo punto, avverte che è necessario “riconoscere i diritti delle popolazioni indigene e delle comunità locali, e garantire la loro piena ed effettiva partecipazione”, e “rispettare, proteggere e promuovere gli obblighi in materia di diritti umani quando si adottano misure per proteggere la biodiversità”.

READ  Il giudice britannico rinvia l'udienza per l'estradizione di Assange-Escambray

Alla luce dell’impatto dell’epidemia causata dal virus Covid-19, la dichiarazione ha chiesto di rafforzare le misure per ridurre i rischi “compresi quelli associati all’uso e al rilascio di organismi viventi modificati che potrebbero avere effetti negativi sull’ambiente”.

Il testo chiede di “garantire il contributo delle politiche, dei programmi e dei piani di recupero post-pandemia alla conservazione e all’uso sostenibile della biodiversità e alla promozione di uno sviluppo sostenibile e inclusivo”.

È necessario “intensificare le azioni per ridurre gli effetti negativi delle attività umane negli oceani, al fine di proteggere la biodiversità marina e costiera e aumentare la resilienza degli ecosistemi marini e costieri ai cambiamenti climatici”.

Nelle aree finanziarie e tecnologiche, chiede un maggiore sostegno ai paesi in via di sviluppo per aumentare la loro capacità di attuare il nuovo quadro d’azione a favore della conservazione della biodiversità.

Invece, mira a eliminare gradualmente o riformare i sussidi e altri incentivi statali dannosi per la biodiversità.

Si raccomanda una maggiore comunicazione ed educazione sulla biodiversità e una maggiore partecipazione alla sua conservazione per le popolazioni indigene e le comunità locali, le donne, i giovani, la società civile, i governi e le autorità locali, il mondo accademico e il settore delle imprese.

Il ministro cinese dell’Ambiente e dell’Ambiente, Huang Runqiu, ha sollevato la “necessità di trasformare le idee in azioni” e il suo governo ha annunciato la creazione di un fondo di 232 milioni di dollari per sostenere i programmi di conservazione della biodiversità nei paesi in via di sviluppo.

Lin Li, direttore della politica globale presso il World Wide Fund for Nature (WWF), ha affermato che la Dichiarazione di Kunming “è una dimostrazione di volontà politica e aggiunge lo slancio tanto necessario indicando chiaramente la via da seguire per affrontare la perdita di biodiversità”.

READ  Elezioni in Nicaragua 2021: 5 chiavi per il voto armato per Daniel Ortega e Rosario Murillo | Consiglio Supremo Elettorale | motore di ricerca personalizzato | globalismo

I suoi effetti dipenderanno da come viene messo in pratica. “Rimane importante per i governi trasformare queste parole in realtà”, ha aggiunto Lin.

AE / HM