Febbraio 5, 2023

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il movimento indigeno in Ecuador chiede il no in una consultazione popolare

La coordinatrice della Camera dei rappresentanti per quella forza politica, Patricia Sanchez, ha insistito questo mercoledì sulla posizione dell’organizzazione, sottolineando che le domande non rispondono all’interesse popolare.

Il legislatore ha affermato che l’autorità esecutiva intende migliorare attraverso queste consultazioni la sua scarsa popolarità espressa nei sondaggi di opinione, descrivendo la consultazione come fuorviante.

Nelle sue dichiarazioni alla stampa presso la sede dell’Assemblea nazionale ecuadoriana, Sanchez ha sottolineato che non vogliamo che il presidente continui a governare per decreto, indipendentemente dalla costituzione e dalle leggi.

Allo stesso modo, ha esortato il presidente di Kony, Leonidas Eiza, a decidere “no” al ballottaggio per il prossimo referendum del 5 febbraio.

Quel giorno “non daremo nessuna bombola di ossigeno al governo nazionale in consultazione che non risolve alcun problema in questo paese”, ha detto il capo indigeno.

Nel frattempo, Conaie pubblica sui social network messaggi che spiegano perché ha rifiutato le otto domande, citando questioni come la sicurezza, la trasparenza, la registrazione dei partiti politici e la formazione della legislatura.

Inoltre, è legato all’ambiente e ai poteri del Consiglio per la partecipazione dei cittadini e il controllo sociale.

Il governo spende milioni in pubblicità per coprire la sua incompetenza e corruzione, ma non investe per risolvere i problemi del lavoro, dell’istruzione, della salute e della precarietà. Digli 8 volte NO! , indica il tweet di Conaie.

Anche altre organizzazioni civiche hanno votato “no”, sebbene l’esecutivo stia facendo una campagna per ottenere voti a favore e approvare il referendum.

Il 5 febbraio oltre 13 milioni di ecuadoriani sono stati chiamati alle urne non solo per pronunciarsi sul referendum, ma anche per eleggere governatori, vicegovernatori, sindaci, consiglieri comunali e membri dei consigli parrocchiali.

READ  Ucraina: il leader ribelle Denis Pushlin chiede una mobilitazione generale - Europa - Internazionale

nmr/avr