Febbraio 4, 2023

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il Nasdaq sta crollando a Wall Street mentre lo slancio di riapertura della Cina svanisce

Gazzetta Finanziaria – Santiago

Dopo il ritorno da un lungo fine settimana natalizio, Wall Street ha aperto in rosso martedì mentre il morale si è affievolito verso la decisione della Cina di revocare le quarantene sui viaggiatori che arrivano nel paese.

Il Nasdaq Composite è sceso dello 0,87%, l’S&P 500 è sceso dello 0,41% e il Dow Jones è sceso dello 0,15% nelle prime contrattazioni di New York. Il settore tecnologico sta ancora una volta mettendo sotto pressione Wall Street dopo essere emerso come uno dei maggiori perdenti la scorsa settimana.

Quest’ultimo, tra i timori che la Federal Reserve provocherà una recessione negli Stati Uniti per controllare l’inflazione, dopo vari indicatori inflazionistici di pressione inflazionistica e debolezza economica.

In Cile, l’indice S&P IPSA è salito dello 0,15% a 5.230 punti. Ieri il tasso selettivo è sceso dello 0,66% dopo una sessione di negoziazione sottotono a causa delle festività natalizie sui mercati.

Le azioni europee tagliano i guadagni iniziali. Lo Stoxx 600 regionale è salito dello 0,37%, il CAC 40 di Parigi è salito dello 0,88%, il DAX di Francoforte è salito dello 0,58% e l’IBEX 35 di Madrid è salito dello 0,19%. La Borsa di Londra è rimasta chiusa per un giorno festivo.

Alla chiusura delle azioni asiatiche, il Nikkei 225 a Tokyo è salito dello 0,16% e il CSI 300 nella Cina continentale è salito dell’1,15%. Come a Londra, la Borsa di Hong Kong non ha aperto i battenti.

Ciao zero covid?
La National Health Commission cinese ha affermato che i requisiti di quarantena per i viaggiatori arrivati ​​di recente nel Paese termineranno dall’8 gennaio, un annuncio che interrompe bruscamente le ultime vestigia della politica “zero Covid” nel gigante asiatico.

READ  Binance subisce 1,9 miliardi di dollari di prelievi nelle ultime 24 ore: Nansen

L’autorità richiederà solo un test Covid-19 negativo entro 48 ore dalla partenza, a differenza degli attuali otto giorni di isolamento obbligatorio.

“La Cina ha chiaramente segnalato che è pronta a fare un grande salto in termini di riapertura, che è qualcosa di cui l’economia globale ha un disperato bisogno”, ha detto a Bloomberg Kunal Sawhney, CEO del gruppo Calkin.

Tuttavia, ha avvertito che “potrebbe essere un po’ esagerato aspettarsi molte azioni a breve e medio termine, forse anche fino alla metà del 2023”.

La notizia della rimozione della quarantena è arrivata anche con una nota a piè di pagina: dati di attività deboli nei motori economici dell’Asia.

Le vendite al dettaglio giapponesi sono diminuite inaspettatamente dell’1,1% m/m a novembre, mentre i permessi di costruzione sono diminuiti del 3,7% m/m il mese scorso contro le aspettative. Tuttavia, la disoccupazione è scesa di un decimo al 2,5% nell’undicesimo mese dell’anno.

In Cina, i profitti industriali sono diminuiti del 3,6% da inizio anno dal 2022 a novembre, in aumento di sei decimi rispetto alla cifra di ottobre.