Dicembre 5, 2021

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il Nicaragua conferma il suo rifiuto dell’intervento dell’Organizzazione degli Stati americani

La protesta è arrivata con la voce del suo rappresentante permanente supplente davanti al meccanismo regionale, Michael Campbell, che ha invitato gli Stati membri “a mantenere il loro impegno senza restrizioni ai principi fondamentali del rispetto della sovranità nazionale”.

Libertà di autodeterminazione e non ingerenza negli affari interni.

Campbell ha osservato che “il Nicaragua che si rispetti, signor Presidente, chiediamo che il nostro rifiuto di questo punto all’ordine del giorno, chiamato ‘La situazione in Nicaragua’, sia registrato nel verbale, immediatamente dopo l’approvazione dell’ordine del giorno per la riunione presieduta dal Ministro per gli Affari Esteri del Guatemala, Pedro Prulo, come Paese ospitante.” Per acclamazione ai partecipanti.

“Siamo stati coerenti nel nostro messaggio e con il rinnovato mandato del popolo del Nicaragua, concesso libertà, trasparenza e sovranità dal voto di quasi tre milioni di cittadini il 7 novembre, e continueremo a forgiare un futuro di pace, prosperità e benessere.”

L’obiezione della Missione permanente dello Stato centroamericano alla proposta presentata da Canada, Colombia, Costa Rica, Stati Uniti e Paraguay figura già in nota all’ordine del giorno al punto 24, che sarà discusso nella sessione odierna presieduta dal Guatemala .

“Il governo della Repubblica del Nicaragua condanna e condanna questa pratica di ingerenza e chiede il rispetto della sua integrità e sovranità nazionale”, afferma il documento.

Una posizione simile era stata presa il giorno prima sia da Campbell che dall’ambasciatore presso l’Organizzazione degli Stati americani per conto del governo di Managua, Arturo Macfields, che ha invitato l’organismo a guardare al futuro e a lasciare le sue posizioni interventiste di fronte alle domande sul recente processo elettorale.

“In Nicaragua abbiamo votato senza pressioni, ricatti, interferenze e sanzioni”, ha affermato in un intervento speciale nel dialogo tra i capi delegazione e gli osservatori permanenti con il Segretario generale e il Segretario generale aggiunto.

READ  Radio Havana Cuba | Venezuela: Accordo con la Procura del CPI focalizza l'attenzione sul Paese

“Vogliamo ribadire che i nicaraguensi votano nel mio paese e questo deve essere rispettato”, ha osservato in un nuovo appello dell’OEA alla non interferenza in questioni di sovranità.

Riteneva che se questa associazione si chiamava “Verso un’America rinnovata”, doveva guardare al futuro e non al passato con nuove posizioni coloniali e interventiste.

ac/mm