Dicembre 4, 2021

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il Nicaragua sfida il contratto dell’OAS contro la sua sovranità

MANAGUA, 18 OTTOBRE (PRENSA LATINA) Il Nicaragua ha contestato oggi, attraverso un comunicato diffuso dal Ministero degli Affari Esteri, lo svolgimento di una riunione del Consiglio Permanente dell’Organizzazione degli Stati Americani (OAS), che ritiene pregiudizievole alla sua sovranità e autodeterminazione.

La nomina del Consiglio Permanente per il prossimo mercoledì 20 all’ordine del giorno include punti che il Nicaragua considera compatibili solo ed esclusivamente con la decisione dei suoi cittadini.

Pertanto, il Dipartimento di Stato ha espresso categoricamente la sua disapprovazione a discutere o giudicare le azioni inerenti alla sovranità del proprio popolo, e quindi sarebbe assente dall’invito.

Il testo ha sottolineato che è inaccettabile che uno o più Stati governino un altro Stato, in palese violazione dei principi di autodeterminazione dei popoli e di non ingerenza negli affari interni di altri Stati.

Ha sottolineato che per questo motivo rifiutiamo questa assemblea illegittima fin dalla sua nascita, e non vi partecipiamo, perché il nostro rispetto per i diritti degli altri popoli d’America inizia con l’affermazione dei diritti fondamentali del Nicaragua e del Nicaragua.

Il Ministero degli Affari Esteri ha osservato che l’indipendenza, la sovranità e l’autodeterminazione nazionale sono i diritti inalienabili del popolo e le fondamenta della nazione nicaraguense.

msm / fgn

READ  Il presidente venezuelano sottolinea il successo del vertice CELAC