Maggio 16, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il Nikkei è sceso del 2,23% dopo gli scontri in una centrale nucleare in Ucraina

Tokyo, 4 marzo (EFE). L’indice principale della Borsa di Tokyo, il Nikkei, è sceso del 2,23% venerdì dopo che lo scontro tra le forze russe e ucraine nella più grande centrale nucleare del Paese ha provocato un incendio nelle vicinanze che ha portato allo scoppio della guerra. tensione.

Il Nikkei, che comprende 225 titoli rappresentativi sul mercato, è sceso di 591,80 punti a 25985,47 intero.

L’indice Topix, che comprende le società della Prima Divisione, a maggiore capitalizzazione, ha perso l’1,96%, ovvero 36,86 punti, attestandosi a 1.844,94 unità.

Il trading floor a Tokyo ha già aperto al ribasso dopo i ribassi nei principali mercati finanziari globali mentre il conflitto continua nell’Europa orientale e dopo che i recenti negoziati tra Russia e Ucraina non hanno portato a un cessate il fuoco.

I negoziatori si incontreranno di nuovo la prossima settimana, ma gli scontri si stanno intensificando.

Le perdite nel mercato giapponese si sono fortemente propagate dopo la prima ora di negoziazione e il Nikkei ha perso fino al 3%, dopo la segnalazione di un incendio vicino agli impianti della centrale nucleare di Zaporizhia, la più grande d’Europa, che si era già estinta con il commercio chiuso a Tokyo.

Tutti i settori hanno registrato perdite ad eccezione del trasporto marittimo, del petrolio greggio e del carbone. Le flessioni più significative si sono registrate nel settore del vetro, della ceramica, dei mezzi di trasporto e dei metalli non ferrosi.

Le compagnie di navigazione Nippon Yusen (NYK Line) e Mitsui OSK Lines insieme hanno registrato il maggior volume di operazioni della giornata, in rialzo rispettivamente dell’1,44% e del 3,86% rispetto al trend generale.

Il produttore di apparecchiature di analisi per componenti di chip Lasertec si è classificato quarto nelle transazioni, in calo del 5,9%.

READ  Azioni e futures avanzano in Asia dopo i dati sull'inflazione negli Stati Uniti.

Lo stabilimento automobilistico Toyota è sceso del 3,56%, un giorno dopo aver annunciato la sospensione fino a nuovo avviso delle sue operazioni in Russia e delle importazioni in quel paese a causa di problemi di fornitura e dell’impatto delle sanzioni internazionali su Mosca per la sua invasione dell’Ucraina.

E il gruppo di telecomunicazioni Softbank ha perso il 4,77%. Sony multinazionale tecnologica 3,14% e sviluppatore e distributore di videogiochi Nintendo 0,94%.

Nella prima divisione, 1.929 aziende sono diminuite rispetto a 210 aziende che sono cresciute, mentre 41 aziende hanno chiuso invariate.

Il fatturato è stato di 3,63 trilioni di yen (28,49 miliardi di euro).

(c) Agenzia EFE