Dicembre 7, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il nuovo sondaggio mantiene il vantaggio di Lula nel voto in Brasile | Notizia

Una nuova indagine del sondaggio Datafolha di venerdì ha mostrato che il candidato presidenziale brasiliano del Partito dei Lavoratori, Luiz Inacio Lula da Silva, ha ricevuto il 53 per cento dei voti validi per il secondo turno. 30 ottobre.

Leggi anche:

Ripresa delle campagne elettorali sui media brasiliani

Il sondaggio indicava che Lula avrebbe sconfitto l’attuale presidente del paese, Jair Bolsonaro, che avrebbe ricevuto il 47% dei voti validi, che non includono i voti bianchi o non validi.

In termini di intenzioni di voto, l’ex presidente brasiliano ha ottenuto il 49 per cento contro il 44 per cento di Bolsonaro.



D’altra parte, il sondaggio ha messo il totale degli indecisi al 2 per cento, mentre i voti nulli hanno segnato il 6 per cento.

Per questa indagine sono state intervistate 2.884 persone su tutto il territorio, tra il 5 e il 7 ottobre, ed è stata iscritta al Tribunale Supremo Elettorale (TSE).

Questo dato fornito da Datafolha è il primo dopo il primo turno elettorale, svoltosi il 2 ottobre, in cui Lula ha ricevuto il 48,4% dei voti validi e Bolsonaro è arrivato secondo con il 43,2%.

suffragio in Brasile

Il direttore di Quest, Felipe Nunes, ha indicato la necessità di prestare maggiore attenzione “ai dettagli della partita”, poiché ci saranno diversi fattori che faranno la differenza nel secondo turno presidenziale in Brasile, inclusa la possibilità di un ritorno. Dal Partito Laburista, parere sui candidati, e “si meritano una seconda possibilità.

READ  L'Ecuador si unisce al Forum globale per la lotta all'inquinamento da plastica

“Questi sono tre indicatori che faranno la differenza in questo nuovo ciclo di differenze tra due uomini che cercano una nuova opportunità per dimostrare al Brasile che possono essere migliori”, ha detto.



Da parte sua, Lula ha dichiarato attraverso il suo account sul sito di social network Twitter: “Non sono preoccupato di combattere Bolsonaro. Voglio combattere la fame e contro la mancanza di investimenti nell’istruzione”.

Quando il capo dello stato non sa cosa fare, regola chi lo fa. “Non l’ha fatto, né nell’economia, né nell’istruzione, né nell’epidemia”, ha detto dell’amministrazione Bolsonaro. “Abbiamo messo fine alla fame in questo Paese e loro l’hanno riportata indietro. Riprenderò il Brasile”, ha affermato.