Ottobre 20, 2021

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il Parlamento delle Barbados approva la trasformazione del paese in una repubblica

Bridgetown, 30 settembre. Il parlamento delle Barbados ha approvato all’unanimità mercoledì un disegno di legge che modificherebbe la costituzione per trasformare la nazione caraibica in una repubblica e porre fine alla sua associazione con la corona britannica.

I media riferiscono che l’emendamento costituzionale, approvato con un margine di 25-0, abrogherà l’Ordine delle Barbados del 1966 come ordine nella Casa di Sua Maestà. Inoltre, si presume che il civile barbadiano sia il capo di stato, piuttosto che la regina Elisabetta II.

Ha inoltre intenzione di cambiare il giuramento di fedeltà dettato da Sua Maestà il Re all’attuale Stato di Barbados, nonché di garantire la continuità del lavoro istituzionale del Paese. Il nuovo stato entrerà in vigore il 30 novembre.

Intervenendo davanti alla Legislatura, il Primo Ministro, Mia Amor Motley, ha detto che con questa decisione si chiude la Camera sulla questione dell’indipendenza. Ha sottolineato che il dialogo di transizione dalla dipendenza dalla corona alla repubblica parlamentare è iniziato nel 1998.

Ha aggiunto che il voto del parlamento invia un messaggio al mondo che “abbiamo fiducia in noi stessi per assumerci la piena responsabilità di chi siamo e cosa facciamo”.

Ha spiegato che con il leader dell’opposizione, il reverendo Joseph Atherley, avrebbero presentato una candidatura per l’elezione del presidente delle Barbados e quindi sarebbe stata fissata una data per quell’elezione. Ha aggiunto che il pubblico sarà informato in seguito quando il nuovo presidente avrà prestato giuramento.

Secondo i media, questo cambiamento metterà fine al capo di stato britannico delle Barbados, che è in vigore da quando i coloni inglesi sbarcarono lì nel 1625. Nel 1966 Barbados non era più una colonia britannica, ma rimase dipendente da Buckingham Palace. (Telesur) (Foto: KevzPolitics)