Febbraio 21, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il percorso spirituale di Mikel Lizaralde in “Diario di una medium”

Il percorso spirituale di Mikel Lizaralde in “Diario di una medium”

Design: Jesús Aviles/Infobay.

Il mondo dello spirituale e dell’ignoto rimane per molti un’area misteriosa, ma per alcuni è un percorso che li porta a scoprire uno scopo più profondo nella vita. Questo è esattamente il viaggio che l’autore basco Miquel Lizaralde ha condiviso nel suo libro Il diario di WasilaDove ci racconta la sua esperienza di trasformazione in Canada alla ricerca del suo destino di mediatore.

La storia di Lizaralde inizia nell’estate del 2002, quando incontra Marilyn Rosner, alla Fiera Esoterica Internazionale di Miramar, considerata il media più importante del mondo.

“Ti stavo aspettando”, gli disse Rosner. “Sapevo che un giorno saresti venuto.” Questo incontro segna l’inizio di un viaggio che cambierà completamente la vita di Mikel e lo porterà a Montreal, dove si immergerà nel mondo della mediazione.

Il libro è diviso in cinque parti, con un focus particolare sulla sua esperienza in Canada, dove scopre la sua vocazione di vita e quella di mediatore. Attraverso le pagine di questo diario, Lizaralde condivide i suoi progressi, i suoi primi incontri con gli spiriti e le sue paure. Rivela anche come ha imparato a fidarsi della sua energia e a comunicare con gli spiriti delle persone.

Uno dei punti salienti del suo viaggio è la diversità delle persone che incontra lungo il suo cammino, da Nadia e Bobby Montana a Jane ed Emily, individui che diventano parte essenziale della sua esperienza spirituale e lo aiutano a crescere nel suo cammino.

Lizarralde esplora anche argomenti come la telepatia, le esperienze di pre-morte e la lettura psichica. Durante il suo viaggio, il basco affronta sfide e momenti di incertezza, ma la sua tenacia lo spinge avanti.

Il ritorno dell’autore in Spagna nel 2005 ha segnato un nuovo inizio nella sua vita. Decide di non pianificare il suo futuro e di lasciarsi sorprendere dalla vita. Nel 2007, un incidente stradale cambiò radicalmente la sua prospettiva, portando ad una serie di esperienze che cambiarono il suo percorso spirituale.

READ  "Ha qualcosa di nuovo da dire." La Disney apre le porte al ritorno di Johnny Depp in Pirati dei Caraibi 6 e aggiorna lo status di film prioritario per lo studio

Nel 2008 ha fondato l’Istituto Isarbe con l’obiettivo di aiutare le persone a sviluppare il dono della mediazione e a partecipare a progetti legati alla fine della vita e al dolore. Lizarralde trova gioia nel condividere la sua conoscenza e nell’aiutare gli altri nel loro viaggio spirituale.

Il diario di Wasila È una storia di scoperta di sé e di crescita spirituale. Miquel Lizaralde ci invita a esplorare un mondo oltre il tangibile e a seguire i nostri sogni, ricordandoci di “non sognare la tua vita, vivi il tuo sogno”.

Questo libro è una finestra sul meraviglioso mondo della mediazione e un’ispirazione per coloro che cercano una maggiore comprensione del proprio scopo nella vita. La storia di Mikel Lizaralde ci ricorda che il percorso spirituale è unico per ogni individuo e che, nonostante le sfide, c’è sempre spazio per la crescita e la trasformazione.

Come ogni anno, nel Palazzo Miramar, un edificio in stile inglese costruito nel 1893, si è tenuta l’Esposizione Internazionale di Esoterismo e Terapie Naturali. Avevo sempre desiderato partecipare a quell’incontro e finalmente sono arrivato lì, percorrendo gli ampi corridoi in alta stivali. Soffitti, ammirando le splendide lampade art Deco Le pareti sono ricoperte di legno scuro, nel luogo che fungeva da residenza estiva della monarchia spagnola. Ero nervoso. Mentre mi muovevo tra le stanze, potevo percepire la storia del luogo, ma non era questo ciò che mi eccitava, era ciò che mi portava lì. Stavo per assistere a una conferenza su quella che secondo loro era la persona dei media più importante del mondo, Marilyn Rosner. L’avevo vista in TV solo anni fa, ma nonostante ciò ricordavo di aver sentito un forte legame con lei. Adesso, mentre aspettavo in fila agli arrivi, pochi minuti prima del grande momento, ho provato di nuovo quelle sensazioni.

READ  Le 10 battute più ridicole

La stanza era fantastica. Le grandi finestre offrono una vista mozzafiato sulla baia di La Concha. Sedie di velluto erano sistemate in quella che sembrava essere una sala da ballo o qualcosa del genere, a giudicare dalle sue dimensioni. Ero accompagnato dai miei amici e dal mio compagno, che preferivano sedersi al centro della stanza. Io però, che normalmente sarei rimasta con il resto del gruppo, ero così emozionata che avevo voglia di sedermi in prima fila, a destra del palco, per poterle stare il più vicino possibile.

Marilyn è arrivata cinque minuti dopo l’orario previsto. Indossava un vestito stampato pieno di fiori rosa e blu, grandi occhiali rossi, lunghi capelli rossi e ballerine arancioni che si abbinavano ai suoi capelli. Era una donna piccola, ma aveva una grande forza. La sua presenza riempì l’intera stanza e all’improvviso, mentre si avvicinava a me, il mio cuore perse un battito. Un grande sorriso è apparso sul mio viso, mi sentivo così felice e non riuscivo a smettere di sorridere. La comunicazione con lei era completa. Tra noi è successo qualcosa che non so spiegare, una sensazione come quella di due vecchi amici che si ritrovano dopo tanto tempo senza vedersi.

Mentre parlava del karma e dell’importanza dei sette segreti, la guardavo, cercando di elaborare tutto ciò che diceva. Non avevo bisogno di traduzione. Ha capito ogni parola. Ha poi annunciato che avrebbe tenuto due spettacoli di mediazione dal vivo con due pubblici: il primo sarebbe stato più breve e il secondo, dopo la meditazione, un po’ più lungo. Volevo con tutte le mie forze essere uno di quelli scelti per ricevere il messaggio dall’altra parte, per ricevere quella ricchezza. Ma presto mi resi conto che c’erano altre persone che ne avevano più bisogno di me.

READ  Nicola Peltz si ispira allo stile di Victoria Beckham

Quando arrivò il momento, rimasi affascinato nel vedere come si muoveva da un lato all’altro della navata, da una fila all’altra e da davanti a dietro. La traduttrice aveva a disposizione diverse tabelle e ha potuto seguire la sua spiegazione senza problemi. È stato incredibile!

Sono rimasto colpito anche dal suo modo di comunicare. La rapidità con cui comunica con il suo mezzo e l’accuratezza dei suoi messaggi e consigli che estrae dal mondo spirituale. È stata un’emozione incredibile! L’ho guardato e ho pensato: “Questo è quello che voglio fare”. Inavvertitamente, mi è venuto in mente questo pensiero: “Questo è quello che farai”.

La gioia si trasformò in estasi e dovetti sforzarmi di sedermi allo schienale. Sono rimasto stupito nel vedere Marilyn trasmettere quei messaggi dal mondo degli spiriti. Mi sono vista così riflessa…!

Non so se sentiva l’amore e il legame che provavo per lei in quel momento, ma non potevo smettere di guardarla e sorridere di gioia. Al termine della sua presentazione, ha spiegato che le avrebbe offerto due borse di studio per trascorrere un minimo di sei mesi con lei a Montreal. Gli unici requisiti erano conoscere l’inglese ed essere bravi ad usare il computer. Ho girato la testa per cercare dove fossero seduti i miei amici e il mio partner. Mi guardavano, mi indicavano con gli indici e sussurravano: “Sei tu, sei tu”. Sentivano la stessa cosa: che dovevo essere una di quelle due persone.