Settembre 30, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il petrolio del Texas è sceso dello 0,34% per chiudere a 114,67 dollari al barile

Questo contenuto è stato pubblicato il 31 maggio 2022 – 20:08

NEW YORK, 31 maggio (EFE) – Il prezzo del Texas Intermediate Crude (WTI) oggi è sceso dello 0,34% e ha chiuso a 114,67 dollari al barile, dopo che il Wall Street Journal ha riportato che alcuni membri dell’Organizzazione dei Paesi Esportatori di Petrolio (OPEC). ) sta valutando la possibilità di esentare la Russia dai suoi obiettivi di produzione di petrolio, il che consentirebbe ad altri paesi di pompare più greggio.

Alla chiusura delle contrattazioni al New York Mercantile Exchange (Nymex), i future sul greggio West Texas Intermediate con consegna a luglio erano in calo di 40 centesimi rispetto alla chiusura precedente.

Il quotidiano di New York ha riferito che una tale concessione potrebbe aprire la strada all’Arabia Saudita, agli Emirati Arabi Uniti e ad altri membri dell’OPEC per pompare più petrolio greggio.

Da parte loro, i leader dell’Unione Europea hanno raggiunto, domenica, un accordo su un divieto parziale del greggio russo.

Tuttavia, il petrolio che Ungheria, Slovacchia e Repubblica Ceca acquistano dalla Russia tramite l’oleodotto sarà escluso dal sesto pacchetto di sanzioni dell’UE contro il Cremlino, come ha chiesto come condizione il primo ministro ungherese Viktor Orban. Il suo paese all’accettazione da parte di Mosca del veto del greggio.

Non essendo stati definiti i dettagli del divieto, i capi di stato e di governo dei club europei hanno deciso di includere una “eccezione temporanea” per il greggio che passa attraverso l’oleodotto Drogba verso quei tre paesi, ma il testo delle conclusioni non fissa alcun limite di tempo per questa cancellazione e dice che sarà affrontato “il prima possibile”. forse”.

READ  Audi A6 Avant: innovazioni e lancio della prossima e-tron

Entro la fine dell’anno, il divieto vieterà tutte le importazioni di petrolio russo via nave, che rappresentano i due terzi del totale.

Nel frattempo, i futures sulla benzina in scadenza a luglio sono aumentati di 6 centesimi a $ 4,08 al gallone. E il gas naturale per lo stesso mese ha sottratto 58 centesimi, fino a $ 8,14 per 1.000 piedi cubi. EFE

sir / fjo / fpa

EFE 2022. La ridistribuzione e la ridistribuzione di tutto o parte dei contenuti dei Servizi Efe, senza il preventivo ed espresso consenso di Agencia EFE SA, è espressamente vietata.