Settembre 25, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il presidente angolano promette ‘dialogo’ dopo la rielezione

“È un voto di fiducia che ci dà un’enorme responsabilità nel promuovere il dialogo e l’accordo”, ha detto Joao Lourenço a Luanda, la capitale del Paese, nel suo primo discorso dopo l’annuncio dei risultati ufficiali. afp_ticker

Questo contenuto è stato pubblicato il 29 agosto 2022 – 16:40

(AFP)

Il presidente dell’Angola Joao Lourenço, rieletto per un secondo mandato dopo che il partito al governo ha vinto per un soffio le elezioni nel Paese africano, ha promesso di tenere un “dialogo” lunedì.

Lo ha detto al quartier generale dell’MPLA a Luanda, la capitale del Paese, nel suo primo discorso dopo l’annuncio dei risultati ufficiali.

Il Movimento popolare per la liberazione dell’Angola, al potere dall’indipendenza del paese dal Portogallo nel 1975, ha ricevuto il 51,17% dei voti, secondo i risultati finali annunciati lunedì dalla Commissione elettorale nazionale.

Il primo partito di opposizione, l’Unione nazionale per l’indipendenza totale dell’Angola (UNITA), ha ricevuto il 43,95% dei voti nel conteggio dei voti condotto mercoledì.

“Il Consiglio nazionale inglese proclama João Manuel Gonçalves Lourenço, presidente della Repubblica”, ha affermato il presidente del comitato Manuel Pereira da Silva.

In Angola non ci sono elezioni presidenziali e il capo della lista del partito che vince le elezioni legislative viene automaticamente nominato capo di Stato.

L’MPLA, che ha ricevuto il 61% dei voti alle elezioni del 2017, questa volta ha ottenuto il risultato più vicino. Nel 2012 ha ricevuto il 71,84% dei voti.

Il partito mantiene la maggioranza in Parlamento con 124 seggi su 220 ma perde la maggioranza di due terzi che gli permetteva di approvare leggi senza l’appoggio di un altro partito.

Molti membri del consiglio non hanno firmato i risultati finali. L’opposizione ha contestato la scorsa settimana i risultati preliminari, che in realtà hanno dato il vincitore all’MPLA.

Unita, che afferma di aver fatto il proprio conteggio, afferma di aver ricevuto più voti. Le parti hanno 72 ore dopo l’annuncio dei risultati per presentarsi alla Corte costituzionale e impugnarli.

Prima delle elezioni, l’opposizione e alcuni media pubblici hanno avvertito dei pericoli delle frodi e la scorsa settimana osservatori dell’Unione africana e della Comunità per lo sviluppo dell’Africa australe hanno espresso “preoccupazione”, in particolare per le liste elettorali.

– vincere il resto –

L’opposizione, alimentata da una crescente voglia di cambiamento in un Paese ricco di risorse naturali ma impantanato in gravi difficoltà economiche, è più forte che mai, con 90 seggi in parlamento.

Il partito di Adalberto Costa Jr., 60 anni, ha rivolto un appello speciale ai giovani, una parte crescente dell’elettorato, con promesse di riforme, riduzione della povertà e misure anticorruzione.

La generazione nata dopo la guerra civile, che si è conclusa nel 2002 con 500.000 morti in 27 anni, non è più vicina all’MPLA come i loro predecessori.

Secondo la Banca Mondiale, più della metà dei 33 milioni di angolani vive al di sotto della soglia di povertà.

Le strade di Luanda erano calme dopo l’annuncio dei risultati. Ma i giornalisti dell’Afp hanno confermato la presenza di camion antisommossa.

Il giorno prima, il Paese ha reso il suo ultimo omaggio all’ex presidente Jose Eduardo dos Santos durante un funerale nazionale.

L’ex capo di Stato, morto il mese scorso a Barcellona, ​​ha segnato la storia del Paese con 38 anni di governo autoritario (dal 1979 al 2017), segnato da accuse di corruzione e nepotismo.

READ  Il Guatemala con l'85 per cento della sua terra segnata in rosso dal Covid-19 - Prensa Latina