Ottobre 3, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il presidente cubano si congratula con il Nicaragua per la rivoluzione sandinista – Juventud Rebelde

Il presidente cubano Miguel Diaz-Canel oggi si è congratulato con il Nicaragua per il 43° anniversario della vittoria della Rivoluzione popolare sandinista (1979) in quel paese centroamericano.


In questa giornata, il Presidente ha anche inviato al Nicaragua un “caldo” messaggio di congratulazioni al generale dell’esercito Raul Castro, in segno delle relazioni amichevoli che uniscono i due Paesi.

Allo stesso modo, il ministro degli Esteri cubano, Bruno Rodriguez, ha fatto eco alle congratulazioni e ha osservato che il Paese sta procedendo “con il governo di riconciliazione e unità nazionale guidato dal comandante Daniel Ortega e dal vicepresidente Rosario Murillo”.


Il Direttore Generale dell’America Latina e dei Caraibi presso il Ministero degli Affari Esteri, Eugenio Martinez, ha descritto la vittoria della Rivoluzione Sandinista come un “risultato storico che ha rovesciato una sanguinosa dittatura sostenuta dagli Stati Uniti e ha dato al Nicaragua la libertà di ottenere risultati straordinari coesione sociale.” e progresso economico.


READ  Lo spagnolo Chuty è stato dichiarato tre volte campione del Supremacy MC a Lima

Le varie autorità e istituzioni dell’isola hanno celebrato questa giornata e hanno espresso il loro sostegno a questo paese centroamericano nella sua lotta per difendere la sua sovranità, l’autodeterminazione e il diritto allo sviluppo.

Il primo ministro dell’isola, Manuel Marrero Cruz, arriva invece oggi in Nicaragua per partecipare all’evento centrale per commemorare la rivoluzione sandinista.

La delegazione cubana comprende il Vice Ministro degli Esteri Josefina Vidal, il Direttore del Ministero degli Affari Esteri per il Sud America, Carlos Manuel de Céspedes, e altri funzionari.

Si prevede che 277 ospiti internazionali dei movimenti sociali e di solidarietà, nonché delegazioni del Venezuela e di altri paesi amici, parteciperanno alla celebrazione della vittoria della Rivoluzione sandinista.

Il 19 luglio 1979, la terza e ultima rivoluzione armata in America Latina e nei Caraibi vinse nel paese centroamericano, seguita da quella messicana (1910) e cubana (1959).

Con la vittoria del Fronte sandinista di liberazione nazionale, 45 anni di devastazione sono stati portati a termine sotto la dittatura militare della famiglia Somoza.

(con informazioni di Prensa Latina e ACN)