Settembre 21, 2021

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il presidente del Messico parlerà con il vicepresidente degli Stati Uniti della riapertura dei confini e delle vaccinazioni

Archivia l’immagine. Il presidente del Messico, Andres Manuel Lopez Obrador, e il vicepresidente degli Stati Uniti, Kamala Harris, parlano dopo aver partecipato alla cerimonia di firma di un memorandum d’intesa tra i due paesi per stabilire un’alleanza strategica per cooperare ai programmi di sviluppo nel nord. Triangolo nel Palazzo Nazionale di Città del Messico. 8 giugno 2021 (Reuters) / Carlos Barria

CITTÀ DEL MESSICO (Reuters) – Il presidente del Messico ha dichiarato lunedì che la riapertura del confine terrestre con gli Stati Uniti per i viaggi non essenziali e la donazione di vaccini COVID-19 dal Paese vicino concentrerà una conversazione telefonica. Questo pomeriggio con il vicepresidente degli Stati Uniti.

Allo scoppio della pandemia di coronavirus, i due paesi hanno concordato nel marzo 2020 di vietare l’attraversamento di natura turistica o non commerciale attraverso il confine comune, una misura che il Messico sta cercando di invertire dopo aver implementato una massiccia campagna di vaccinazione nei comuni vicini.

“Dobbiamo aprire le frontiere, e questo è un problema di cui discuteremo oggi”, ha detto il presidente Andres Manuel Lopez Obrador durante la sua conferenza stampa quotidiana sull’imminente chiamata con il vicepresidente Kamala Harris, prevista per lunedì pomeriggio.

Gli Stati Uniti, che hanno un tasso di immunizzazione più veloce del Messico, hanno donato al loro vicino un lotto di 1,35 milioni di vaccini contro il COVID-19 all’inizio di giugno.

Secondo Lopez Obrador, si attende ancora la distribuzione di ulteriori dosi dall’altra parte del confine, in un accordo che originariamente prevedeva 3,5 milioni ma non pienamente rispettato per la mancanza di licenze sanitarie per il vaccino da parte della moderna azienda farmaceutica . che doveva essere inviato.

READ  Oggi è il giorno desiderato! I prezzi del Banco Santander sono in aumento!! IAG dà loro il collasso di Iberdrola gigante sta volgendo al termine!

Sulle possibili soluzioni a questo problema, il presidente messicano ha chiarito: “Nel governo degli Stati Uniti, è stato concordato che Pfizer o qualsiasi altra azienda farmaceutica potesse fornire vaccini. Ora è stato risolto e spero che ci siano notizie oggi”.

Secondo le statistiche globali di Reuters, il Messico ha finora applicato almeno una dose del vaccino contro il coronavirus al 39% della sua popolazione, mentre gli Stati Uniti l’hanno applicata al 59% dei suoi cittadini.

(Segnalazione di Ana Isabel Martinez e Raul Cortes Fernandez)