venerdì, Giugno 14, 2024

Top 5 This Week

Related Posts

Il presidente della Bolivia condanna il crimine di Israele contro la Palestina

Mercoledì il leader ha scritto sui social media: “Condanniamo con la massima fermezza il bombardamento israeliano a Rafah, nel sud della Striscia di Gaza, che ha portato alla morte di dozzine di civili palestinesi”.

Il bombardamento da parte delle forze sioniste di un campo improvvisato per sfollati palestinesi ha provocato l’uccisione di almeno 45 persone e il ferimento di centinaia.

Il nuovo crimine di guerra commesso dall’esercito israeliano è malvagio e inimmaginabile. Chiediamo alla comunità internazionale di adottare misure efficaci contro Israele. “Insieme possiamo fermare il genocidio”, ha chiesto Arce sul suo account Twitter X.

La Bolivia ha interrotto le sue relazioni con Israele nell’ottobre 2023 in segno di rifiuto dello sproporzionato attacco militare alla Striscia di Gaza e ha inviato 90 tonnellate di aiuti umanitari per far fronte agli effetti degli attacchi che il mondo descrive come genocidio.

Il 23 maggio Arce ha celebrato la decisione di Spagna, Irlanda e Norvegia di riconoscere la Palestina come Stato sovrano, cosa che ha descritto come “un fatto storico e un messaggio costante al mondo”.

Ha detto sui social media: “Dallo Stato plurinazionale della Bolivia, celebriamo e salutiamo la decisione dei governi di Spagna, Norvegia e Irlanda, che hanno deciso di riconoscere la Palestina come Stato sovrano”.

Il leader ha sottolineato la decisione dei tre paesi nel suo romanzo: “Il genocidio del popolo palestinese deve finire immediatamente!”

I tre governi europei hanno annunciato la loro decisione dopo che il procuratore della Corte penale internazionale ha chiesto l’emissione di mandati di arresto contro il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu e il suo ministro della Difesa Yoav Galant, con l’accusa di aver commesso crimini di guerra e crimini contro l’umanità.

READ  Lo Sri Lanka ha respinto la decisione guidata dall'Occidente

All’inizio di questo mese, 143 stati membri dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite hanno approvato una risoluzione a sostegno della creazione dello Stato di Palestina e della sua inclusione nelle Nazioni Unite come membro a pieno titolo.

In questo contesto, la Colombia ha annunciato che stabilirà un’ambasciata a Ramallah, la città che comprende il quartier generale amministrativo della Palestina, secondo quanto ha annunciato il suo ministro degli Esteri Luis Gilberto Murillo.

Contrariamente alla maggioranza dei membri delle Nazioni Unite, il segretario di Stato americano Anthony Blinken ha annunciato di voler lavorare con il Congresso su una legislazione che punirebbe la Corte penale internazionale dopo aver richiesto mandati di arresto contro Netanyahu e Gallant.

GAI/JBM

Ciriaco Capone
Ciriaco Capone
"Creatore. Amante dei social media hipster. Appassionato di web. Appassionato fanatico dell'alcol."

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Popular Articles